A Napoli 40 feriti per i botti di fine anno. È morta la donna colpita da un proiettile vagante

AGI –  È morta Concetta Russo, la donna di 45 anni colpita la scorsa notte da un proiettile vagante nella sua casa di via Plebiscito ad Afragola a Napoli. Era stata trasferita in ospedale in gravissime condizioni e purtroppo non ce l’ha fatta. 

Ma quello che si registra a Napoli e provincia è un bilancio assai grave. Sono 36 i feriti da botti nella notte di San Silvestro, tre dei quali sono minorenni. Sono 4 i feriti per proiettili esplosi ‘per festeggiare’. Oltre alla donna colpita sul suo balcone di casa in Vico Mannesi, si ha notizia di un algerino che ha una ferita alla spalla destra causata da un proiettile sparato da un’auto che lo ha raggiunto mentre era a piedi in via Marina.

Altre due persone sono state ferite alle gambe in corso Meridionale ad Afragola e sono stati portati all’ospedale Villa dei fiori ad Acerra. Secondo il loro racconto, erano intenti a vendere fuochi d’artificio quando è arrivata una persona a bordo di scooter pretendendo denaro per poi allontanarsi; mezz’ora dopo lo scooter è tornato con due persone a bordo e il passeggero ha sparato verso di loro. I tre minorenni sono feriti da botti e uno ha meno di 13 anni, gli altri due sono nella fascia di età tra 13 e 17 anni. 

Più di 700 interventi dei Vigili del Fuoco

Sono stati 703 nella notte gli interventi dei vigili del fuoco per incendi riconducibili ai festeggiamenti di Capodanno, l’8,8% in più rispetto ai 646 dello scorso anno. Molti interventi hanno riguardato incendi di cassonetti e di alcune auto parcheggiate in strada. Il numero maggiore in Emilia Romagna, dove sono stati 101.

Gli altri interventi sono stati in Piemonte (46), Lombardia (69), Veneto e Trentino Alto Adige (47), Friuli Venezia Giulia (21), Liguria (42), Toscana (49), Marche (25), Umbria (22), Lazio (74), Abruzzo (16), Molise (1), Campania (38), Basilicata (6), Calabria (9), Puglia (60), Sicilia (52), Sardegna (25).  

Campania

Era in un parco e aveva tra le mani fuochi pirotecnici un bimbo di 11 ad Alfano nel Cilento in provincia di Salerno. L’esplosione di un petardo lo ha investito in pieno volto e gli ha causato un grave trauma all’occhio destro dal quale, secondo quanto accertato più tardi dai sanitari, non potrà più vedere. Il piccolo è stato immediatamente soccorso sul luogo dell’esplosione e trasferito d’urgenza all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico. L’occhio gli è stato salvato, restando nella sua orbita, ma nonostante il pronto intervento dei medici la vista è andata persa.

A Santa Maria Capua Vetere, nel Casertano, durante la notte di San Silvestro, al rione Iacp un uomo di 26 anni è stato colpito alla tempia da un colpo d’arma da fuoco e trasportato in gravi condizioni all’ospedale di Caserta. Indagini in corso.

Roma

Sono 16 i feriti legati ai festeggiamenti di Capodanno nella capitale e in provincia. Due uomini sono in gravi condizioni, entrambi ricoverati al Policlinico Agostino Gemelli di Roma. Il primo è rimasto ferito con i fuochi d’artificio a Guidonia, l’altro in zona Valcanneto. 

Puglia

A San Severo, nel Foggiano, un uomo di 47 anni ha subito l’amputazione di quattro dite della mano sinistra e lesioni di secondo grado al volto causate dall’esplosione di un gioco pirico. Soccorso dal 118 locale l’uomo è stato trasferito a Foggia dove i medici, constatata la gravità delle lesioni non hanno potuto far altro che amputare le quattro dita. L’uomo è stato ricoverato con una prognosi di 30 giorni.

A Foggia invece, un ragazzo di 17 anni ha subito l’amputazione della mano sinistra per le ferite subite mentre stava armeggiando con un gioco pirico. Anche per lui la prognosi è di 30 giorni. Sempre a San Severo un altro giovane ha subito ustioni di secondo grado sulla mano destra e lievi escoriazioni al viso. A Manfredonia, infine, una persona ha subito l’abrasione da scoppio sul labbro sinistro.

L’esplosione dei petardi di ieri notte ha causato anche numerosi incendi di bidoni della spazzatura in diverse zone della città di Foggia. Sono stati in tutto una quarantina gli interventi delle squadre dei Vigili del fuoco dalla mezzanotte di ieri alle otto di questa mattina.  

Trento

A un giovane di 27 anni di origine moldava è stata amputata una mano dopo l’esplosione di un petardo. L’incidente si è verificato poco prima della mezzanotte in via Maccani e il giovane si trovava assieme ad alcuni amici. All’ospedale ‘Santa Chiara’ del capoluogo trentino sono stati medicati altri giovani a seguito di ferite e bruciature alle mani.

Milano

Sono stati 44 gli interventi nella notte dei vigili del fuoco di Milano per incendi riconducibili ai festeggiamenti di Capodanno, in leggero calo rispetto ai numeri dello scorso anno. Principalmente gli interventi hanno riguardato incendi dei cassonetti e di alcune autovetture parcheggiate per strada.  

Basilicata

Due feriti lievi per via dei botti, a Policoro (Matera) e a Matera città: è il primo bilancio del Capodanno in Basilicata, che sta trascorrendo nel pieno rispetto della tradizione. Anche i rumorosi festeggiamenti di mezzanotte non hanno lasciato tracce gravi. I Vigili del fuoco sono intervenuti a Potenza per un incendio verificatosi in un garage.

A dare l’allarme un passante. Immediato l’intervento dei pompieri, che hanno gestito l’incidente senza la necessita’ di evacuare la struttura, garantendo così la sicurezza dei residenti e prevenendo ulteriori danni. Lavoro per i vigili del fuoco anche nel Materano: una squadra e’ intervenuta a Tricarico per spegnere le fiamme che hanno distrutto un furgoncino e Rotondella, per via di un rogo che ha avvolto un casolare abbandonato