Accordo Ue sulle regole per la crisi dei migranti. Von der Leyen: “Punto di svolta”

AGI – “Gli ambasciatori dell’Ue hanno raggiunto un accordo sul Regolamento che affronta le situazioni di crisi e forza maggiore nel campo della migrazione e dell’asilo”. L’annuncio arriva, in un post su X, dalla presidenza spagnola del Consiglio Ue. Seguito, poco dopo, dalle parole di Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea: “Accolgo con favore il positivo accordo politico raggiunto dagli Stati membri”.

“Questo – aggiunge von der Leyen –  è un vero e proprio punto di svolta che ci consente di portare avanti le negoziazioni con il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Ue. Uniti possiamo realizzare il Patto prima della fine di questo mandato“.

I welcome the successful political agreement reached by the Member States on the Crisis Proposal.

This a real game changer that allows us to advance negotiations with @Europarl_EN and @EUCouncil.

United we can deliver on the Pact before the end of this mandate.
#MigrationEU

— Ursula von der Leyen (@vonderleyen)
October 4, 2023

Cosa contiene il testo

Nel testo è sparito il riferimento alle Ong che era stato inserito la scorsa settimana e che aveva causato lo stallo nei negoziati. È quanto apprende l’AGI da una fonte diplomatica. La stessa fonte ha spiegato che a rendere possibile l’accordo di oggi è stata l’intesa raggiunta da Italia e Germania dopo diversi confronti diplomatici, con il passo indietro di Berlino rispetto alla riunione del Consiglio Ue Affari interni della settimana scorsa e dunque col ritorno al testo approvato a luglio dagli Stati membri, inclusa l’Italia.

A differenza di luglio, non hanno sostenuto l’accordo solo la Polonia e l’Ungheria (contrarie), Repubblica Ceca, Slovacchia, Austria (astenute). L’approvazione di oggi del mandato del Consiglio Ue sul Regolamento sulle situazioni di crisi, il principale ostacolo all’avvio dei negoziati finali sul Patto Ue sulla migrazione e l’asilo, permetterà l’inizio dei triloghi con il Parlamento europeo.

Il documento, inoltre, definisce il quadro d’azione per gli Stati nell’affrontare scenari di difficoltà e crisi, adeguando alcune regole, come quelle relative alla registrazione delle domande di asilo o alla procedura di asilo alla frontiera, e dando ai Paesi sotto pressione la possibilità di richiedere misure di solidarietà e sostegno all’Ue e ai suoi Stati membri.

Nello specifico, “in una situazione di crisi o di forza maggiore, gli Stati membri possono essere autorizzati ad applicare norme specifiche riguardanti la procedura di asilo e di ritorni. In questo senso, tra le altre misure, la registrazione delle domande di protezione internazionale può essere completata entro quattro settimane dalla loro presentazione, alleggerendo il carico sulle sovraccariche amministrazioni nazionali”, ha spiegato il Consiglio.

Per quanto riguarda la richiesta di sostegno e solidarietà, “uno Stato membro che si trova ad affrontare una situazione di crisi può richiedere contributi di solidarietà ad altri Paesi dell’Ue”, ha precisato il Consiglio. Tali contributi possono essere in tre modalità.

  • La prima consiste nel “ricollocamento dei richiedenti asilo o beneficiari di protezione internazionale dallo Stato membro in situazione di crisi verso gli Stati membri che danno supporto”.
  • La seconda riguarda le “compensazioni di responsabilità, cioè lo Stato membro che dà sostegno si assume la responsabilità di esaminare le richieste di asilo con l’obiettivo di alleviare lo Stato membro che si trova in una situazione di crisi”.
  • La terza modalità prevede “i contributi finanziari o misure alternative di solidarietà”. 

Il Consiglio ha precisato che queste misure eccezionali e questo sostegno di solidarietà richiedono l’autorizzazione del Consiglio in conformità con i principi di necessità e proporzionalità e nel pieno rispetto dei diritti fondamentali dei cittadini di Paesi terzi e degli apolidi.

Scholz: “Una svolta storica”

L’accordo raggiunto a Bruxelles tra i 27 paesi membri dell’Unione europea su un testo chiave per la politica migratoria rappresenta “una svolta storica”: lo ha dichiarato il cancelliere tedesco su X. L’entrata in vigore del regolamento destinato a organizzare una risposta europea a fronte di un massiccio afflusso di migranti “limiterà efficacemente la migrazione irregolare in Europa e alleggerirà durevolmente stati come la Germania” ha aggiunto Scholz.

Metsola: “Un passo importante”

“L’accordo di oggi tra gli Stati membri sul Regolamento sulle crisi” in materia migratoria “è un passo importante che sblocca una delle più grandi sfide della nostra generazione. Ora dobbiamo realizzare un Patto Ue su migrazione e asilo. Il Parlamento europeo è pronto”. Lo ha dichiarato la presidente del Parlamento europeo.

Tajani: “Successo del governo italiano e della Ue”

L’accordo raggiunto dalla Ue sul regolamento delle crisi per i migranti consentirà di “accelerare i tempi per dare una risposta concreta alla lotta ai trafficanti” e spianerà la strada a nuove norme Ue, approvate prima della fine della legislatura. Ne è convinto il ministro degli Esteri Antonio Tajani. Il capo della diplomazia, che si dice molto soddisfatto, parla di “successo del governo italiano e della Ue”.

“Avevamo chiesto di lavorare per un accordo tra tutti i Paesi della Ue, ma a sorpresa la Germania aveva presentato un testo che faceva riferimento anche alle Ong e a noi non andava bene perché andava contro i nostri interessi”, ha ricordato Tajani.

“Alla fine ha prevalso la diplomazia, il buon senso, la linea del governo italiano. Noi siamo più che soddisfatti perché questo accordo permetterà di accelerare i tempi dell’approvazione del testo nelle discussioni del trilogo Commissione-Consiglio-Parlamento per dare nuove regole alla lotta contro l’immigrazione clandestina. Non possiamo perdere più tempo, occorre un’intesa prima della fine della legislatura”.

“Abbiamo lanciato appelli all’Ue e all’Onu, molti ci hanno ascoltato, la Francia ha seguito la nostra linea, adesso pare che la Germania abbia adottato una posizione meno rigida e questo permette di accelerare i tempi e dare una risposta concreta alla lotta ai trafficanti”, ha aggiunto.