Addio all’ex ministro Antonio Martino, aveva 79 anni

AGI – È morto stanotte a 79 anni, Antonio Martino. Era nato e cresciuto a Messina, per poi trasferirsi a Roma. Laurea in legge nel 1964, e’ stato nominato, a seguito di una selezione a livello europeo, “Harkness Fellow of the Commonwealth Fund” per il biennio 1966-1968, specializzandosi a Chicago.

All’Università la ‘Sapienza’ ha insegnato Storia e politica monetaria. È stato anche docente di economia politica all’Università Luiss di Roma e preside dal 1992 al 1994. Dal 2014 in poi è stato segretario del comitato scientifico della Fondazione Italia-Usa.

Addio ad Antonio Martino, eccellente economista, liberale vero, tra i fondatori di @forza_italia, più volte ministro, presidente onorario @FriedmanInst. Una persona perbene. Con lui perdiamo un grande italiano, che credeva nell’Europa dei popoli. Mi mancheranno i nostri progetti. pic.twitter.com/j6djYqiDwv

— Renato Brunetta (@renatobrunetta)
March 5, 2022

Profondo il suo impegno politico, tanto da essere candidato da Forza Italia, nel 2016, alla presidenza della Repubblica. Presidente onorario dell’Istituto Milton Friedman, la sua carriera politica inizia con la militanza nel Pli, poi il passaggio a FI che contribuisce a fondare all’inizio degli anni ’90: la sua tessera ‘azzurra’ porta il numero 2, dopo quella di Silvio Berlusconi.

Ci mancheranno la cultura, il garbo, l’ironia, l’intelligenza del nostro Antonio Martino. Un liberale vero, una persona perbene. A lui la gratitudine di tutta la comunità di Forza Italia. Ai suoi familiari il nostro abbraccio affettuoso e riconoscente. Ciao Antonio, a Dio. pic.twitter.com/Mxh9paHUAb

— Forza Italia (@forza_italia)
March 5, 2022

Ministro degli Esteri nel primo Governo del Cav dal maggio 1994 al gennaio 1995. Fu indicato come “euroscettico”, perché contro l’euro come moneta unica. Nei governi Berlusconi II e III è stato ministro della Difesa, in prima linea nella ‘battaglia’ sull’anticipo della sospensione della leva militare.

Se ne è andato Antonio Martino, uno dei fondatori di @forza_italia, ministro, protagonista della vita politica italiana, amico schietto e leale. Con lui ho condiviso tante battaglie. Un abbraccio alla sua famiglia. Ciao Antonio!

— Antonio Tajani (@Antonio_Tajani)
March 5, 2022

Così lo ricorda Silvio Berlusconi: “Con Antonio Martino se ne va un amico carissimo, uno studioso illustre, un uomo libero. Con lui ho condiviso l’idea della nascita di Forza Italia, della quale ebbe la tessera numero due. Fu uno dei più apprezzati ministri dei nostri governi, agli Esteri e alla Difesa, stimatissimo in tutti i contesti internazionali e soprattutto negli Stati Uniti, dove si era formato e dove era di casa”. Il presidente di Forza Italia aggiunge: “Figlio di Gaetano Martino, uno dei padri fondatori dell’Unione Europea, allievo e amico del premio Nobel Milton Friedman, liberale intransigente, liberista convinto, con il suo pensiero orientò e caratterizzò il programma di Forza Italia fin dal 1994. Con lui elaborai fra l’altro il nostro progetto di riforma fiscale, basato sulla flat tax. Me ne mancheranno i modi squisiti, le citazioni colte, l’ironia tagliente, la discrezione”. 

È con vera tristezza che partecipo al lutto per la scomparsa di #AntonioMartino. Siamo stati spesso in disaccordo e anche per questo forse ho potuto apprezzarne ancora più in profondità la signorilità, la coerenza e la competenza. Una #vocelibera che ci mancherà.

— Enrico Letta (@EnricoLetta)
March 5, 2022