Aeroporti, musei e scuole. Ecco i luoghi del terrore in Europa

AGI – Una settimana dopo l’attacco di Hamas a Israele e la reazione dell’Idf (l’Esercito di Israele) si sono registrati episodi di terrorismo in Europa:

  • Venerdì 13 ottobre, un ceceno di 20 anni ha ucciso il professore di un liceo di Arras gridando “Allah Akbar”. L’insegnante aveva tentato di fermare l’assalto dell’aggressore: un ex studente armato di coltello e radicalizzato. Il terrorista, arrestato insieme al fratello, era all’attenzione della polizia con l’indicazione S sul fascicolo ad indicare i soggetti a rischio di radicalizzazione.
  • Sabato 14, allarmi al Louvre e alla Reggia di Versailles: entrambi vengono evacuati e chiusi per consentire agli artificieri ricerche delle bombe segnalate.
  • Lunedì 16, ore 19:30 a Bruxelles un tunisino sedicente membro dell’Isis uccide due svedesi, in città per la partita Belgio-Svezia di qualificazione agli Europei 2024. La partita viene interrotta nell’intervallo fra il primo e il secondo tempo e i tifosi restano a lungo dentro lo stadio per motivi di sicurezza. Il tunisino verrà individuato e ucciso dalla polizia in un bar il mattino dopo.