Alle Paralimpiadi l’Ucraina vince 3 medaglie d’oro, 2 d’argento e un bronzo

AGI – Avvio trionfale per l’Ucraina ai Giochi paralimpici invernali di Pechino con tre medaglie d’oro, due d’argento e un bronzo, tutte nel biathlon. In un’edizione segnata dall’invasione russa del suo Paese, il 33enne Grygorii Vovchynskyi ha conquistato il titolo nel Parabiathlon 6 km uomini categoria in piedi, gara che aveva giù vinto a Sochi nel 2014, precedendo il tedesco Marco Maier di 45.8 secondi.

Gli altri ori sono arrivati nella 6 km. con disabilità visive: Oksana Shyshkova si è imposta tra le donne e Vitali Lukianenko tra gli uomini, davanti ad altri due ucraini, Oleksandr Kazik, argento, e Dmytro Suiarko, bronzo.

Due argenti sono arrivato nella 6 km categoria in piedi femminile dalla 28enne Liudmyla Liashenko, alla sua quinta medaglia paralimpica, e nella 6 km. Categoria seduta grazie al 23enne Taras Rad. Per lui è la seconda medaglia paralimpica in carriera.

A completare una giornata inaugurale delle Paralimpiadi speciale per gli ucraini è arrivato l’oro della statunitense Oksana Masters, nata in un Ucraina e adottata da un insegnante americano, nel Parabiathlon sprint categoria seduta. È la sua quinta medaglia paralimpica e l’undicesima tra Giochi olimpici e paralimpici.

Il team ucraino è arrivato faticosamente in Cina dopo l’invasione russa iniziata il 24 febbraio. Il presidente del Comitato paralimpico di Kiev, Valeriy Sushkevych, ha affermato che la presenza della rappresentativa a Pechino è “un simbolo che l’Ucraina è viva” ed è un “miracolo” che sia presente alle gare.