Anno nuovo, immagine nuova: Amsterdam ci riprova 

AGI – Non è la prima volta che Amsterdam tenta di cambiare la propria immagine di Capitale del sesso e della droga, meta di un turismo non propriamente attratto da Van Gogh, Rembrandt o Vermeer. Già anno scorso, le autorità municipali avevano lanciato “Stay Away” (Vattene!), una campagna di comunicazione volta soprattutto a scoraggiare il turismo (per lo più britannico) che la sceglie per dar sfogo ai propri vizi più che per scoprire le sue bellezze artistiche e monumentali.

Con una mossa non troppo a sorpresa, quindi, la ‘Venezia del Nord’ pochi giorni fa ha reso note le nuove regole per chi la abita e chi intende visitarla a partire dal 2024 insieme alla sua ultima campagna d’immagine. L’iniziativa – hanno spiegato i funzionari della città – mira sempre al miglioramento della immagine complessiva della Capitale.

Questa volta però, oltre a una convincente comunicazione video che vede in prima linea i cittadini di Amsterdam, sono state anche annunciate ‘regole’ per limitare il cosiddetto fenomeno dell’ ‘overtourism’, il sovraffollamento del turismo ‘festaiolo’, un problema che spesso ne ha portati altri: scarsa sicurezza per le strade, schiamazzi e comportamenti inappropriati dei visitatori.

“Rinnova la tua vista” (Renew your view – Amsterdam) è più di un campagna d’immagine: è una vera strategia della durata di un anno almeno, volta a mostrare Amsterdam (anche sui social) con gli occhi dei suoi residenti. Cosa che, secondo le autorità della città, darà nuovi input, auspicabilmente più culturali, ai visitatori del Capodanno. E del nuovo anno.

 

Dal 1 gennaio 2024 si applicheranno anche nuove regole per vivere in città. Ed è la rivista Time Out Amsterdam a darne un rapido excursus: anzitutto saranno applicate nuove regole per gli alloggi, sull’esempio di altre Capitali europee, limitando il numero degli affitti a breve (tipo Airbnb) e dei Bed and Breakfast consentiti in ogni distretto. Una misura che aumenterà l’offerta di abitativa per studenti e giovani lavoratori. E’ previsto, tra l’altro, anche un giro di vite sulle licenze per i negozi di souvenir e i locali del divertimento in centro, per dare invece a strutture ricreative come spazio a librerie, saloni e palestre. 

Un’ultima informazione ‘pratica’ per chi intende festeggiare il 2024 ad Amsterdam: sono stati già adottati nuovi orari di chiusura (anticipata) per bar, club e sexy shop. Anche fumare cannabis, in alcune parti della città, sarà proibito. Ma non saranno certo queste limitazioni, assicurano i residenti della Capitale, a impedire un festa col botto.