Arrestato Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria 

AGI – È stato arrestato dai militari della Guardia di Finanza, nell’ambito di un inchiesta della procura di Paola per reati societari e bancarotta, il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero. Al momento l’imprenditore è stato trasferito in carcere, mentre per altre 5 persone sono stati disposti gli arresti domiciliari.

L’arresto è avvenuto a Milano. Secondo quanto apprende l’AGI, Ferrero è stato portato nel carcere di San Vittore. Sono nove le persone coinvolte complessivamente nell’inchiesta della Procura. Oltre a Ferrero sono coinvolti anche la figlia e il nipote, finiti agli arresti domiciliari.

In particolare, ai domiciliari si trovano: Vanessa Ferrero, 48 anni, figlia di Massimo; Giorgio Ferrero, 41, nipote del presidente; Giovanni Fanelli, 53 anni, di Potenza; Aiello Del Gatto, di Torre Annunziata, 55, residente ad Acquappesa. A questi si aggiungono altri quattro indagati, tutti residenti a Roma e sottoposto oggi a perquisizione.

Secondo quanto trapela, al centro dell’indagine ci sarebbe un investimento di Ferrero in provincia di Cosenza, nel comune di Acquappesa, che avrebbe portato al fallimento dell’azienda. Si tratterebbe di un complicato sistema che avrebbe portato il patron blucerchiato a vedersi contestare i reati di bancarotta e altri reati fiscali.