Assalto ad un portavalori nel sassarese, 4 feriti e auto in fiamme

AGI – Era formato da almeno 5 persone il commando armato che stamane prima delle 8 ha assaltato un portavalori della Vigilpol nel Sassarese. La strada statale 131 ‘Carlo Felice’ è stata bloccata dai rapinatori all’altezza del bivio per Siligo, con un autocompattatore di rifiuti e una catena. Sono stati sparati colpi d’arma da fuoco, uno dei quali ha ferito una persona a una gamba. Quando il blindato è stato costretto a fermarsi, i banditi hanno fatto scendere le guardie giurate per cercare di portare a termine il colpo. Sono in corso le verifiche sul mezzo oggetto della rapina. Due furgoni sono stati incendiati in mezzo alla carreggiata e quattro persone sono rimaste ferite in un tamponamento durante le fasi dell’assalto armato. La strada è stata chiusa in entrambe le direzioni e il traffico deviato. Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco e i feriti soccorsi dai mezzi del 118.

 

Il commando è poi fuggito con un pick-up e una Fiat Panda che sono stati ritrovati poco lontano. È scattato il dispositivo antirapina. Sul posto stanno operando carabinieri e polizia di Stato, alla quale sono state affidate le indagini. I banditi erano incappucciati e indossavano tute mimetiche. Uno di loro, che imbracciava quella che sembra una mitraglietta, ha minacciato il conducente di un furgone, che è riuscito a girare un breve video, per costringerlo a lasciare il mezzo. Tre dei feriti sono stati trasportati in pronto soccorso a Sassari, un quarto a Ozieri. Quello colpito alla gamba non è considerato grave. Due hanno lamentato dolori al torace a causa del tamponamento e un’altra persona ha riportato un trauma cranico, a causa di una botta ricevuta.

Il vigilante ferito non è grave

Sono guardie giurate, secondo quanto apprende l’AGI, le cinque persone rimaste ferite, in modo non grave. Quattro sono stati trasportati in ospedale dal 118. Uno dei vigilanti è stato raggiunto da un colpo d’arma da fuoco a una gamba, uno è stato colpito alla testa, mentre gli altri hanno riportato traumi da tamponamento. Una parte delle guardie viaggiava sul blindato, le altre su due furgoni. I banditi li hanno bloccati usando una catena e un autocompattatore di rifiuti e hanno anche costretto l’autista di un furgone di passaggio a scendere e ad abbandonare il mezzo. Fonti della polizia di Stato, che conduce le indagini con la Squadra mobile di Sassari, smentiscono la notizia, circolata nelle ultime ore, secondo la quale un rapinatore sarebbe morto e un altro sarebbe rimasto ferito in un conflitto a fuoco coi carabinieri dopo l’assalto. Il commando era armato di kalashnikov. Il bottino della rapina è in corso di quantificazione, ma è ingente. Il portavalori era scortato da altri due mezzi.