Biden ha promesso altro gas per affrancare l’Ue dalla Russia

AGI – Unione Europea e Stati Uniti insieme per ridurre la dipendenza dell’Europa dall’energia russa: gli Usa forniranno 15 miliardi di metri cubi addizionali di gas naturale liquefatto (Gnl), all’Europa quest’anno, e lavoreranno anche per assicurare all’Ue altri 50 miliardi di metri cubi di Gnl ogni anno entro il 2030.

L’accordo è stato illustrato oggi a Bruxelles dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e dal presidente americano, Joe Biden.

Sarà anche istituita “una task force congiunta per applicare questi cambiamenti” e sarà copresieduta dai rappresentanti della Casa Bianca e dalla squadra della Commissione europea.

“Gli Stati Uniti forniranno più gas naturale liquefatto all’Unione Europea per aiutarla a ridurre la sua dipendenza dalle forniture di gas dalla Russia”, ha annunciato Biden, in un punto stampa con von der Leyen.

“Oggi abbiamo concordato un piano di azione congiunto verso questo obiettivo, accelerando al contempo i nostri progressi verso un futuro sicuro di energia pulita”, ha aggiunto.

“Questa iniziativa si concentra su due questioni fondamentali: uno aiutare l’Europa a ridurre la sua dipendenza dal gas russo il più rapidamente possibile. In secondo luogo, ridurre la domanda di gas in Europa in generale”, ha evidenziato. 

Biden ha aggiunto che questo sforzo “avverrà in un modo che è coerente con – non in conflitto con – l’obiettivo climatico zero netto”.

“Dovremo fare in modo che le famiglie in Europa possano superare questo inverno, e il prossimo, mentre stiamo costruendo le infrastrutture per un futuro energetico diversificato, resiliente e pulito. Allo stesso tempo, questa crisi rappresenta anche un’opportunità. È un catalizzatore, un catalizzatore che guiderà gli investimenti di cui abbiamo bisogno per raddoppiare i nostri obiettivi di energia pulita e accelerare i progressi verso il nostro futuro a emissioni zero”.

Il presidente Usa ha detto anche di essere consapevole che “eliminare il gas russo avrà dei costi per l’Europa. Ma non è solo la cosa giusta da fare, da un punto di vista morale. Ci metterà in una posizione strategica molto più forte”.

“L’impegno americano di fornire all’Ue almeno altri 15 miliardi di metri cubi di Gnl quest’anno è un grande passo perché taglierà la fornitura energetica dalla Russia”, ha sottolineato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

“I 50 miliardi di metri cubi, obiettivo entro il 2030, rappresentano un terzo delle nostre importazioni dalla Russia”, ha aggiunto.

“Mettiamo in comune la nostra domanda e ci rivolgiamo a partner internazionali per negoziare Gnl e gasdotti attraverso una nuova piattaforma energetica dell’Ue.

Parallelamente utilizziamo strutture di stoccaggio in alcuni Stati membri a vantaggio di tutti. Se necessario, possiamo considerare limiti di prezzo”, ha concluso.