Bigon “Per lo scudetto sarà lotta a tre sino alla fine”

ROMA (ITALPRESS) – “Il risultato determina sempre i commenti del dopo partita. Prima mi ero permesso di dire che Pioli ha gestito l’annata in maniera fantastica, mettendoci tanto del suo. Quindi sì, bene Pioli”. Ai microfoni di Radio Anch’io Sport, su Rai Radio 1, un grande doppio ex come Alberto Bigon commenta l’esito del posticipo di campionato tra Napoli e Milan, terminato con la vittoria per 1-0 dei rossoneri, in testa alla classifica a +2 dall’Inter e a +3 dalla squadra di Spalletti. “Sarà una lotta a tre sino alla fine, ovvio che il Milan ha preso un vantaggio notevole sotto l’aspetto psicologico e andrà in campo con più convinzione nella fase finale del campionato – sottolinea Bigon, che ha anche allenato il Napoli – Squadre come il Milan sono più abituate a partite decisive come quelle di ieri, dal vertice alla base ci sono più consuetudini a giocare gare-scudetto o finali. Come organico, Milan e Inter si equivalgono. I rossoneri, per guardare al futuro in caso di un grande risultato in campionato, avrebbero bisogno di un giocatore di altissimo livello, come lo fu Lukaku per l’Inter l’anno scorso. Ibrahimovic e Giroud stanno tenendo la baracca in attacco ma un fuoriclasse sarebbe la ciliegina sulla torta. Il Napoli? Anche nelle coppe non è che abbia brillato tantissimo. La società si è evoluta ed è solida, la squadra dà ottimi risultati ma manca ancora un gradino da fare”. Per Bigon, la Juventus non è ancora del tutto fuori dalla corsa al titolo, anche se ci vorrebbe un miracolo per compiere il triplo sorpasso: “Il fatto stesso che Allegri dica che l’argomento scudetto è chiuso significa che ci stanno pensando molto. Sono ancora in corsa, ovvio che però sarà un compito piuttosto difficile, se non impossibile, perchè davanti hanno tre squadre ed è improbabile che cedano tutte e tre”.
(ITALPRESS).