Camper Sharing, la sfida di Goboony: “Saremo leader in Europa”

AGI – La piattaforma di camper sharing Goboony ha concluso un round di investimenti da 6 milioni di euro guidato dal venture capital di Amsterdam No Such Ventures. Un’investimento, che porta il finanziamento totale a 10 milioni di euro e che permetterà al gruppo di concentrarsi su un’ulteriore espansione all’estero e di diventare il leader del settore in Europa.

Goboony ha già una posizione di leader di mercato in Olanda, Belgio, Italia e Regno Unito. Con lo stesso obiettivo in mente, l’azienda ha iniziato le sue attività in Germania e Francia questo mese. Inoltre, Goboony lancerà una serie di prodotti assicurativi innovativi e altri servizi a valore aggiunto per i proprietari di camper nel prossimo futuro.

Goboony ha registrato una crescita a tre cifre negli ultimi anni, basandosi sul forte aumento dei proprietari di camper in tutta Europa e sulla maggiore popolarità della “Van Life” tra le giovani generazioni. L’azienda ha guadagnato ulteriore slancio durante Covid, che ha causato un aumento della domanda in quanto le restrizioni di viaggio hanno portato più persone a voler viaggiare in camper.

Goboony è stata la prima azienda del settore ad offrire termini di prenotazione flessibili e pricing dinamico adattandosi alle richieste dei consumatori. “Il tempo è volato – ha detto Mark de Vos, CEO del gruppo  – sembra ieri quando Foppe ed io stavamo girando la Nuova Zelanda con i nostri camper. Poco dopo, abbiamo avuto l’idea di avviare una piattaforma di condivisione di camper nei Paesi Bassi.

In pochi anni, siamo cresciuti in una comunità internazionale dove proprietari e viaggiatori si ritrovano nel loro comune desiderio di libertà e avventura. Ora entriamo in un nuovo capitolo di questa avventura grazie all’investimento di No Such Ventures. Come risultato, ora possiamo espandere i nostri prodotti e servizi in nuovi mercati ad un ritmo accelerato”.

“A chi non piace la libertà dei viaggi in camper? Negli ultimi due anni, questa tendenza si è solo rafforzata – ha aggiunto Bart Veldman, partner di No Such Ventures. – Goboony offre ai proprietari di camper la possibilità di condividere il loro bene con altri per coprire (in parte) i costi di proprietà o addirittura farne un piccolo business. Mark, Foppe e il loro team ci hanno dimostrato che “condividere la libertà” è il loro pane quotidiano. No Such Ventures è convinta che Goboony sia ben posizionata per diventare il leader del mercato europeo in questo spazio e guidare il consolidamento in questo settore davvero molto interessante”.

Goboony è stata fondata nel 2015 a Utrecht. I fondatori Mark de Vos e Foppe Mijnlieff si sono incontrati durante un viaggio in camper in Nuova Zelanda durante il quale, discutendo tra un falò e l’altro, hanno notato un chiaro gap nel mercato europeo per una piattaforma di camper sharing. Insieme al loro team internazionale, hanno fatto crescere Goboony fino a diventare leader di mercato nel noleggio di camper peer-to-peer nei Paesi Bassi, in Belgio, in Italia e nel Regno Unito.

La piattaforma ora conta più di 5.000 camper, dai grandi familiari a 7 posti ai furgoni d’epoca Volkswagen. Goboony si distingue dalla concorrenza per la sua proposta di servizio completo, che consiste in un sistema di prenotazione, assicurazione, gestione del deposito e dei danni, e una vasta fonte di idee di viaggio, ed ha una valutazione molto alta da parte di tutti i suoi utenti su piattaforme indipendenti come Trustpilot.