Ciro Grillo e i tre amici rinviati a giudizio 

AGi –  La gup del tribunale di Tempio Pausania, Caterina Interlandi, ha rinviato a giudizio Ciro Grillo, figlio del fondatore del M5S, e i tre amici Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria accusati di violenza sessuale di gruppo nei confronti una giovane italo-norvegese.

La decisione è stata comunicata dal giudice agli avvocati dopo che la gup si era ritirata in Camera di Consiglio. I quattro giovani non saranno presenti in aula. Il procuratore Gregorio capasso ha già annunciato che rappresenterà l’accusa.

I quattro giovani avevano a suo tempo comunicato la rinuncia al rito abbreviato. Il presunto stupro di gruppo sarebbe avvenuto nel residence di Beppe Grillo a Cala di Volpe, in Costa Smeralda nel luglio 2019. 

La prima udienza del processo si svolgerà a Tempio il 16 marzo 2022.

 “Oggi è il giorno dopo il 25 novembre e credo che anche questa giornata sia diventata importante”. Lo ha detto l’avvocata Giulia Bongiorno, che difende la giovane che avrebbe subito lo stupro di gruppo, riferendosi alla giornta contro la violenza sulla donne.