Home In evidenza CORALLI PROVENIENTI ILLEGALMENTE DA CUBA SEQUESTRATI A CASELLE

CORALLI PROVENIENTI ILLEGALMENTE DA CUBA SEQUESTRATI A CASELLE

10
Condividi

Una sessantenne torinese, di ritorno a Torino da l’Avana, Cuba, dopo una vacanza in sull’isola caraibica, è stata fermata all’Aeroporto di Caselle dalla Guardia di Finanza di Torino perché all’interno del proprio bagaglio occultava, tra gli effetti personali, una ventina di coralli del tipo “scleractinia spp”.

I preziosi, raccolti dalla donna sulle spiagge cubane per essere utilizzati come souvenir della vacanza, sono stati sequestrati dai Finanzieri della Compagnia di Caselle Torinese e dai Funzionari Doganali in servizio allo scalo aeroportuale sabaudo.  

L’attività di controllo rientra nell’ambito del dispositivo volto al contrasto dell’importazione illegale di specie di flora e fauna selvatiche, tutelate dalla convenzione di Washington, tra le quali rientrano i coralli, il cui scopo fondamentale è quello di garantire che lo sfruttamento commerciale internazionale sia sostenibile per la specie e compatibile con il ruolo ecologico che la specie riveste nel suo habitat.

Ora la donna, che a suo dire ”…non sapeva fosse una cosa vietata…”,  rischia sanzioni sino a 15.000 euro.

L’attività si inquadra nell’ambito della quotidiana attività di controllo presso lo scalo torinese aeroportuale “Sandro Pertini” effettuata dalla Guardia di Finanza a contrasto dei traffici illeciti.f

CORALLI PROVENIENTI ILLEGALMENTE DA CUBA SEQUESTRATI A CASELLE ultima modifica: 2019-03-14T13:29:31+02:00 da Redazione Rete 7