Home news Cronaca CUORE: PREVENIRE E CURARE I PROBLEMI VALVOLARI. I CONSIGLI DEL CARDIOLOGO

CUORE: PREVENIRE E CURARE I PROBLEMI VALVOLARI. I CONSIGLI DEL CARDIOLOGO

56
0
Condividi

Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache e queste ultime dai grandi vasi, aorta ed arteria polmonare. Le valvole cardiache sono quattro (tricuspide, polmonare, mitrale e aorta), in grado di aprirsi e chiudersi in maniera coordinata con il battito cardiaco, così da lasciare passare il Sangue solo in una direzione.
I sintomi dipendono dal tipo di valvulopatia. I primi sintomi sono in genere la comparsa di facile affaticabilità, dispnea (fatica a respirare) durante l’attività fisica e in seguito anche a riposo. I pazienti possono accusare batticuore a causa dell’insorgenza di aritmie come la fibrillazione atriale. Talvolta il primo segno clinico può essere un ictus, dovuto all’entrata nel circolo sanguigno di parti di coaguli che si formano all’interno della camere cardiache dilatate. Se viene coinvolto il ventricolo destro compaiono congestione epatica e edemi declivi (ritenzione di liquidi a livello degli arti inferiori).
Il trattamento risolutivo delle valvulopatie è solitamente chirurgico. La terapia medica ha il ruolo di rallentare la progressione/controllare i sintomi nelle valvulopatie congenite e acquisite a lenta evoluzione (vasodilatatori, diuretici) o di contribuire alla stabilizzazione clinica delle valvulopatie acute, in modo da permettere al paziente di arrivare all’intervento chirurgico nelle migliori condizioni. In casi selezionati si ricorre alla dilatazione della valvola stenotica, effettuata con un catetere a palloncino introdotto attraverso un vaso sanguigno. Questo intervento può risolvere temporaneamente il problema, spostando nel tempo l’intervento chirurgico.

Al giorno d’oggi le tecniche chirurgiche si sono evolute notevolmente e spesso risulta possibile riparare la valvola senza doverla sostituire. In alternativa sono possibili sostituzioni con valvole meccaniche, che hanno il vantaggio di non rovinarsi nel tempo, ma lo svantaggio di richiedere l’assunzione della terapia anticoagulante; oppure possono essere utilizzate valvole biologiche, che durano meno, ma non necessitano di anticoagulazione

CUORE: PREVENIRE E CURARE I PROBLEMI VALVOLARI. I CONSIGLI DEL CARDIOLOGO ultima modifica: 2017-03-29T12:28:10+00:00 da Redazione Rete 7