Dall’Ue 300 miliardi fino al 2027: “Attivarci in ogni angolo mondo” 

AGI –  La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato che l’Unione mobiliterà 300 miliardi di euro fino al 2027, nell’ambito del macro-piano infrastrutturale da 600 miliardi di dollari annunciati ad Elmau per i Paesi in via di sviluppo; fondi -ha spiegato- provenienti dai settori pubblico e privato che serviranno a “infrastrutture sostenibili, di qualità e per la salute” dei Paesi in via di Sviluppo.

 “Quando l’economia si stava riprendendo -ha ricordato- c’è stato il terribile attacco della Russia all’Ucraina che ha fatto aumentare i prezzi in ogni campo e creato incertezza nei Paesi più fragili. Oggi il mondo ha bisogno di questi investimenti più che mai: dobbiamo lavorare uno a fianco dell’altro e questo è l’unico modo per massimizzare il potenziale dei nostri investimenti. Occorre attivarci in ogni angolo del mondo”.

 

Last year we committed to stepping up investments in sustainable infrastructure.

Today these investments are more needed than ever.

Europe’s answer is #GlobalGateway.

€300 billion of public and private funds, invested in full transparency and partnership. pic.twitter.com/SORRsFVfMh

— Ursula von der Leyen (@vonderleyen)
June 26, 2022

 

A fianco a lei, insieme agli altri leader del G7, il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, ha ricordato che l’Ue “è un progetto per la pace e la prosperità” e che “è da sempre leader nella cooperazione ai Paesi in via di Sviluppo”. “Puntiamo -ha aggiunto- alla creazione di infrastrutture sostenibili e inclusive, resilienti e di qualità nei paesi emergenti e in via di sviluppo. Siamo coinvolti al 100 per cento, è la direzione giusta per ottenere partenariati più stabili e che guardano al futuro”.