Depistaggio Borsellino, la difesa al contrattacco

(Adnkronos) – (dall’inviata Elvira Terranova).- Più che un’arringa difensiva sembra un atto di accusa. Contro quei magistrati che si occuparono delle indagini sulla strage di via D’Amelio, definiti “superficiali”, ma anche contro chi ha dichiarato in vari processi “attendibile” il falso collaboratore di giustizia Vincenzo Scarantino. Parla di “troppe contraddittorietà sulla sparizione dell’agenda rossa del giudice Paolo Borsellino” e ricorda che i due poliziotti che difende erano solo l’ultima ruota del carro. Va all’attacco sin dalle prime parole del suo intervento, l’avvocato Giuseppe Seminara, legale di Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, due dei tre poliziotti accusati di calunnia aggravata in concorso nel processo d’appello sul depistaggio sulla strage di via D’Amelio.