Errigo d’argento nel fioretto ai Mondiali del Cairo

IL CAIRO (EGITTO) (ITALPRESS) – Seconda medaglia per la spedizione italiana ai Mondiali di scherma al Cairo che, nella gara di fioretto femminile conquista l’argento con Arianna Errigo. Per la fiorettista azzurra questa è la nona medaglia iridata (oro 2013 e 2014, argento 2010 e 2022, bronzi 2009, 2015, 2017, 2018 e 2019) e l’ennesima conferma internazionale per lei che dal 2009, anno dei suoi primi Mondiali, è sempre stata sul podio a eccezione dell’edizione in casa di Catania 2011. L’argento iridato segue l’argento europeo, già vinto dalla 34enne campionessa italiana ad Antalya il mese scorso.
La monzese dei Carabinieri ha affrontato una semifinale al cardiopalma contro la campionessa olimpica americana Lee Kiefer: in vantaggio 10-3 si è fatta riprendere e superare dalla statunitense fino al 13-14, ma non ha mollato ed è riuscita a mettere le due stoccate vincenti per approdare al match finale, in cui la francese Ysaora Thibus si è laureata campionessa mondiale per la prima volta in carriera, chiudendo sul 15-10 i conti con l’azzurra.
Errigo ha iniziato la sua gara superando la brasiliana Rafaella Gomes (10-8), poi ha dominato contro la spagnola Maria Marino (15-3) e si è assicurata un posto nella top 8 grazie alla vittoria contro la portacolori di Hong Kong Yue Shi col punteggio di 15-8. Ai quarti è arrivato il successo a discapito della compagna di squadra Francesca Palumbo, che si è arresa alla connazionale sul 15-3. Proprio la potentina dell’Aeronautica Militare ha raccolto un sesto posto di grande valore. Prima del derby azzurro Palumbo aveva messo a segno i successi contro la spagnola Ariadna Castro (15-9) e l’americana Zander Rhodes (15-13), per poi battere la campionessa europea in carica Leonie Ebert col punteggio di 15-10 in un match condotto fin dall’inzio con autorevolezza. Si è fermata nel tabellone dei 32 Alice Volpi, sconfitta dalla diciannovenne americana Maria Mei Weintraub 15-13 in un assalto che la senese aveva dominato fino al 9-4. Nel turno precedente la fiorettista delle Fiamme Oro aveva avuto la meglio sulla rumena Malina Calugareanu 15-11. Fuori nei 32 Martina Favaretto, che aveva superato il primo turno senza scendere in pedana a causa della defezione dell’austriaca Beatrice Kudlacek e poi ha perso all’ultima stoccata 15-14 contro la spagnola Maria Teresa Diaz.

Nella spada maschile hanno chiuso la loro gara nel tabellone dei 16 Davide Di Veroli e Federico Vismara. Il romano delle Fiamme Oro aveva battuto 15-11 lo spagnolo Juan Pedro Romero e 15-9 il francese Nelson Lopez Pourtier, prima della sconfitta 15-11 contro l’atleta di Hong Kong Hoi Sun Fong. Il milanese delle Fiamme Azzurre ha fallito l’accesso agli 8 dopo essere stato superato 15-12 dal campione olimpico francese Romain Cannone, mentre prima aveva ottenuto le vittorie 15-5 sull’iberico Manuel Bargues e 15-8 sull’estone Sten Priinits. Out nei 64 Andrea Santarelli, che partiva come numero 4 del ranking mondiale, e che è uscito contro il colombiano John Edison Rodriguez 15-6 così come Gabriele Cimini, eliminato 15-13 dal belga Neisser Loyola, che si è poi aggiudicato la medaglia di bronzo.

Domani giornata clou per le ultime prove individuali: per la sciabola femminile saranno in gara Rossella Gregorio, Martina Criscio, Michela Battiston ed Eloisa Passaro, per il fioretto maschile sono attesi Daniele Garozzo, Tommaso Marini, Giorgio Avola e Alessio Foconi. Da domani partiranno anche le gare a squadre con i tabelloni fino ai quarti di finale. Le gare proseguiranno poi giovedì, giornata in cui verranno assegnate le medaglie. Alle 8 scenderanno in pedana gli sciabolatori Luca Curatoli, Luigi Samele, Pietro Torre e Michele Gallo e affronteranno l’Iraq nei 32. Dallo stesso turno partiranno alle 11 anche le spadiste Rossella Fiamingo, Mara Navarria, Alberta Santuccio e Federica Isola con il match contro l’Uzbekistan.
– foto ufficio stampa Federscherma –
(ITALPRESS).