Forte scossa di terremoto in Giappone. È allarme Tsunami

AGI – Un terremoto di magnitudo 7.5 è stato registrato in Giappone, poco al largo della costa occidentale, nella prefettura di Ishikawa al centro dell’isola di Honshu, la principale del Paese. La scossa è avvenuta alle 8,10 ora italiana, le 16,10 ora locale a una profondità di 76 km. Le autorità hanno fatto diramato l’allerta tsunami nel mar del Giappone per onde fino a tre metri in sei prefetture, tra cui quelle di Yamagata e Fukui. 

Secondo l’istituto sismologico statunitense, lo tsunami minaccia zone fino a 300 chilometri dall’epicentro del sisma. Le prime onde, alte circa 1,20 metri, hanno già raggiunto la città di Wajima, a circa 500 chilometri a ovest di Tokyo, ma resta la possibilità che onde alte fino a cinque metri si abbattano sulla cosa e per questo sono state chiuse al traffico tutte le autostrade della zona.

Non sono state segnalate anomalie nelle centrali nucleari giapponesi, ha detto il portavoce del governo Yoshimasa Hayashi. La Russia ha lanciato l’allerta tsunami per le sue città costiere dell’Estremo Oriente.

First #Tsunami Waves Hit Japan After 7.5 Quake, 5-Metre Waves Expected Too

Read here: https://t.co/1opTNwPqUT pic.twitter.com/axBwiPSGo8

— NDTV (@ndtv)
January 1, 2024

Colpita la regione di Noto

Il terremoto di magnitudo 7,5 (aggiornata rispetto a una prima valutazione di 7,1) ha colpito la regione di Noto, nella prefettura di Ishikawa, dove sono attese onde di tsunami fino a cinque metri, ha fatto sapere l’Agenzia meteorologica giapponese (JMA).

La JMA ha affermato che la regione di Noto, sul lato del Mar del Giappone dell’isola principale, Honshu, ha subito una rapida successione di terremoti, iniziando con una scossa di magnitudo 5,7 alle 16,06 ora locale, seguita da una di magnitudo 7,6 alle 16,10, un terremoto di magnitudo 6,1 alle 16,18, uno di magnitudo 4,5 alle 16,23. Nel marzo 2022, un terremoto di magnitudo 7,4 al largo della costa di Fukushima ha scosso vaste aree del Giappone orientale, uccidendo tre persone. 

Le emittenti hanno interrotto la programmazione per passare a programmi speciali e a lanciare urgenti appelli ai residenti perché si trasferiscano in zone più elevate. “Ci rendiamo conto che la vostra casa, le vostre cose sono tutte preziose per voi, ma le vostre vite sono importanti sopra ogni altra cosa. Correte sul terreno più alto possibile”, ha detto agli spettatori un presentatore dell’emittente NHK.

Il Giappone ha rigide norme di costruzione intese a garantire che gli edifici possano resistere a forti terremoti e tiene regolarmente esercitazioni di emergenza per prepararsi a una forte scossa. Ma il Paese è ossessionato dal ricordo di un enorme terremoto sottomarino di magnitudo 9.0 al largo del nord-est del Giappone nel marzo 2011, che ha innescato uno tsunami che ha causato circa 18.500 morti o dispersi e mandato in fusione tre reattori della centrale nucleare di Fukushima, provocando il peggior disastro del dopoguerra in Giappone e il più grave incidente nucleare dai tempi di Chernobyl. Nel marzo 2022, un terremoto di magnitudo 7,4 al largo della costa di Fukushima ha scosso vaste aree del Giappone orientale, uccidendo tre persone.