Gli effetti del rallentamento dell’economia cinese sul prezzo del petrolio

AGI – Il prezzo del petrolio procede in calo sotto la pressione delle preoccupazioni per il rallentamento della domanda in Cina, anche se i timori per la stretta dell’offerta globale e l’aggravarsi della crisi ucraina hanno mantenuto il Brent sopra i 111 dollari al barile. L’economia cinese ha rallentato nel mese di marzo: sono stati colpiti i consumi, il settore immobiliare e le esportazioni, togliendo la lucentezza dai numeri di crescita del primo trimestre più velocemente del previsto e peggiorando una prospettiva già indebolita dal Covid-19 e dalla guerra in Ucraina.

Il greggio Brent, il punto di riferimento globale, è sceso di 26 centesimi, lo 0,2%, a 111,44 dollari, scivolando dai massimi dal 30 marzo di 113,80 dollari. Il West Texas Intermediate è calato di 11 centesimi, lo 0,1%, a 106,84 dollari. “Alcuni investitori asiatici hanno prenotato i ricavi mentre si preoccupavano del rallentamento della domanda in Cina”, ha detto Satoru Yoshida, un analista di materie prime di Rakuten Securities.

I dati di oggi hanno anche mostrato che la Cina ha raffinato il 2% in meno di petrolio a marzo rispetto a un anno prima, con la produzione che è scesa al minimo da ottobre, mentre l’impennata dei prezzi del greggio ha compresso i margini e i blocchi rigidi hanno danneggiato la domanda.

Il petrolio è salito ai massimi dal 2008 a marzo, con il Brent che ha raggiunto brevemente i 134 dollari, mentre l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca si è aggiunta alle preoccupazioni per l’approvvigionamento dovute alle sanzioni alla Russia e agli acquirenti che evitano il petrolio russo.

La produzione russa è diminuita del 7,5% nella prima metà di aprile rispetto a marzo, ha riportato Interfax, e i governi dell’Ue hanno affermato la scorsa settimana che si stavano elaborando proposte per vietare il greggio russo.