I consigli per combattere il caldo

AGI – ‘Cresce il caldo, cresce la prevenzione’: con questo slogan la Croce rossa italiana pubblica sul suo sito (https://cri.it/ondatecalore/) una serie di consigli pratici contro le ondate di calore, ricordando che è attivo il suo numero di pubblica utilità 1520 per chi volesse suggerimenti, dedicato soprattutto agli anziani. Perchè, come si legge sulla pagina della Croce rossa, eventi climatici estremi, come le ondate di calore, hanno un impatto significativo soprattutto sugli anziani che vivono in città, più frequentemente se malati cronici o soli.

Anche se, viene sottolineato, temperature così alte possono tuttavia provocare effetti sulla salute anche su persone sane: bambini, lavoratori esposti, donne in gravidanza, persone che fanno uso di alcol e sostanze stupefacenti, sportivi che praticano un’attività fisica intensa nelle ore calde della giornata. Prevenire gli effetti negativi delle ondate di calore è possibile, sottolinea la Croce rossa che, sul sito, spiega come alcuni interventi preventivi possano ridurre considerevolmente l’impatto di questi fenomeni.

E’ necessario, quindi, mettere in atto sia azioni preventive che operative, dal bere molta acqua all’indossare i cappelli e usare la crema solare se devi stare fuori casa al sole; dal mangiare molta frutta all’uscire nelle ore meno calde, quindi prima delle 11 o dopo le 18. E ancora: indossare vestiti leggeri e di materiali naturali come il cotone e il lino, usare il ventilatore nel modo giusto il che significa evitare di dirigerlo direttamente sulle persone; evitare di bere alcolici e superalcolici, ma anche gli sforzi fisici prolungati.

Ma tra i consigli compaiono anche quelli relativi agli altri: non lasciare bambini e animali nelle auto parcheggiate, assicurarsi dello stato di salute di amici e parenti, prendersi cura degli animali domestici.

La campagna ‘Cresce il caldo, cresce la prevenzione’, da anni promossa dalla Croce Rossa Italiana, quest’anno sarà svolta unitamente a Legambiente grazie al protocollo di collaborazione firmato dalle due associazioni, con l’obiettivo di unire le forze per promuovere azioni che tengano insieme giustizia ambientale e sociale.

Si tratta della prima di una serie di progetti, iniziative e campagne territoriali che avranno al centro la lotta alla crisi climatica, la tutela della salute e dell’ambiente. Tre temi strettamente interconnessi sui quali le due associazioni informeranno e sensibilizzeranno i cittadini di tutte le età non solo sulle cause e sugli effetti dell’emergenza clima ma anche sulle attività di contrasto al climate change (a partire dalla mitigazione del rischio, dall’adattamento ai cambiamenti e dall’adozione di comportamenti e stili di vita più sostenibili da parte dei singoli e delle comunità).

Anche quest’anno, la Croce Rossa Italiana attiva CRI per le Persone: il numero di pubblica utilità 1520 attivo h24 che fornisce informazioni, supporto e assistenza.

Occorre fare attenzione e tenere comportamenti corretti, in particolar modo per le persone più fragili – dice la Croce rossa in una nota – ed è anche per questo che ricordiamo che è possibile chiamare la nostra Centrale di Risposta Nazionale al numero 1520 per ricevere consigli e suggerimenti. Invitiamo, laddove possibile, a evitare di uscire nelle ore più calde”.