Il lockdown paralizza la provincia di Jilin, culla dell’automotive cinese

AGI – La provincia di Jilin è la culla della nuova industria automobilistica cinese e sede della Faw (First Automobile Works), il più grande produttore di auto del Paese. Da alcuni giorni diverse province e città della Cina hanno inasprito le restrizioni anti-Covid in linea con l’obiettivo di ‘tolleranza zero’ di Pechino per sopprimere i contagi il più rapidamente possibile e anche la provincia nord-orientale è rientrata nella stretta anti-pandemica.

I funzionari di Pechino hanno così bloccato la capitale Changchun, chiuso le scuole nel centro finanziario di Shanghai e sospeso i trasporti pubblici nel centro manifatturiero di Dongguan. Changchun, che ha circa 9 milioni di abitanti, era già stata bloccata la scorsa settimana, costringendo Toyota Motor Corp. a sospendere l’attività del suo stabilimento.

E oggi Toyota ha confermato che la joint venture con il gruppo Faw ha sospeso la produzione a Changchun, mentre le sue operazioni nella città di Tianjin sono rimaste inalterate. Volkswagen, che pure ha una joint venture con Faw, ha dichiarato di aver sospeso la produzione nei suoi stabilimenti di veicoli e componenti a Changchun almeno fino a mercoledì prossimo.

Sono una cinquantina le grandi fabbriche dedicate distribuite nelle 9 città della provincia cinese che a est confina con la Corea del nord e con la Russia. Nella capitale – la seconda città più grande della Cina nord-orientale – i produttori di auto sono ben 26 e oggi il centro resta una delle basi di ricerca e produzione automobilistica più importanti del mondo.

Qui, la costruzione dei siti per la produzione di auto risale agli anni ’50 e ’60 e e da oltre mezzo secolo la provincia di Jilin ha pienamente sostenuto lo sviluppo di Faw e l’industria automobilistica della provincia, che ha continuato a svilupparsi e a crescere fino a raggiungere uno dei più avanzati livelli al mondo, con le sue fabbriche che sfornano ogni anno migliaia di modelli elettrici e ibridi.

Nel corso degli anni, il settore auto ha rappresentato più di un quarto delle produzioni industriali della provincia e oltre la metà dei profitti, con le vendite di automobili che hanno rappresentato oltre il 10% del mercato interno.

A metà del 2020 la Bank of Jilin ha esteso una linea di credito di 12,12 miliardi di yuan (1,71 miliardi di dollari) all’industria automobilistica della provincia e 562 tra grandi e piccole aziende automobilistiche ‘clienti’ hanno tutte ripreso la produzione.

E a maggio dello stesso anno la banca aveva fornito finanziamenti per 2,47 miliardi di yuan a 42 società di componenti a monte che rifornivano il gruppo Faw di Changchun. I funzionari della Faw hanno affermato da parte loro che il finanziamento mirava a stabilizzare la catena di fornitura e la produzione di automobili. Mirava inoltre a ridurre i costi di finanziamento per le piccole e micro imprese della catena e a migliorare la qualità dei servizi finanziari per l’industria automobilistica nell’intera provincia .