Il ritorno dello spettro del governo tecnico

AGI – Lo ‘spettro’ di un complotto con l’obiettivo di disarcionare il governo in carica per lasciare il posto ad un esecutivo tecnico si riaffaccia sulla scena politica. E, come già avvenuto in passato, è collegato all’andamento dello spread (tornato a salire per poi ridiscendere).

Scenario che non mette in allarme l’inquilina di palazzo Chigi, nè i suoi alleati: “Non esiste”, è infatti il refrain. E che viene nettamente rigettato anche dalle forze di opposizione che, con sfumature diverse, parlano di un’operazione di distrazione di massa per nascondere “i fallimenti” dell’esecutivo.

E, comunque, semmai il governo in carica dovesse cadere, l’unica strada percorribile sarebbe il ritorno alle urne, è il fil rouge.

Fatto sta, il tema irrompe nel dibattito. Tra le prime a parlarne è stata la stessa premier Giorgia Meloni che venerdì, da Malta, ha liquidato la questione: “È la speranza dei soliti noti, ma temo che questa speranza non si tradurrà in realtà. Voglio tranquillizzare: il governo sta bene, la situazione è complessa ma l’abbiamo maneggiata con serietà”.

E poi, un governo tecnico “da chi dovrebbe essere sostenuto, da quelli del superbonus? Quello sì sarebbe un problema per i conti. So leggere la politica e so leggere la realtà: la sinistra continui a fare la lista dei ministri del governo tecnico che noi intanto governiamo”. Dal Quirinale si guarda con distacco a un dibattito più che altro giornalistico e si nota che c’è un governo con una maggioranza, il cui impegno ora ovviamente è fare la manovra.

Tajani: “L’ipotesi non esiste”

E dopo le parole della premier sabato i due vicepremier hanno rincarato: “L’ipotesi del governo tecnico non esiste, c’è un’ampia maggioranza di centrodestra e questo governo durerà tutta la legislatura. Se poi qualcuno si diverte a fare la lista dei ministri del governo tecnico è un gioco, va bene, la realtà però è completamente diversa”, scandisce Antonio Tajani, che nega timori per lo stato dei conti e gli andamenti dello spread: “Non c’è preoccupazione per quanto mi riguarda. Io credo che noi dobbiamo dimostrare di essere un governo serio, credibile, affidabile, responsabile, che fa una manovra economica in grado di aiutare le famiglie più deboli, in grado di tutelare i cittadini di fronte a una situazione economica non sempre positiva” e non certo, tiene a sottolineare il leader di Forza Italia e titolare della Farnesina, per colpa di chi siede a palazzo Chigi. 

Matteo Salvini allarga l’orizzonte oltre i confini nazionali: “L’obiettivo è cambiare l’Europa”, dice in vista delle elezioni del 2024. Nel frattempo, “con il governo attuale stiamo cambiando l’Italia, non c’è nessuna alternativa all’esecutivo attuale”, assicura l’altro vicepremier e leader leghista. “Andiamo avanti per cinque anni. Lascio ai giornali questo dibattito. Io mi occupo di strade, autostrade, ferrovie, porti, aeroporti, ponti e gallerie”. Sulla stessa linea Maurizio Lupi, che mette in chiaro: “Il governo c’è, è forte, sta lavorando bene e durerà cinque anni perché la maggioranza è compatta”.

Per le opposizioni devono scegliere i cittadini

Dal canto loro, le opposizioni ne approfittano per evidenziare quelli che ritengono limiti e difficoltà dell’esecutivo in carica: Giuseppe Conte affibbia a Giorgia Meloni uno “zero virgola in pagella”, perché con i numeri della Nadef “strozza l’Italia che si era ripresa dopo la pandemia”. Lo spread sale “a causa di un governo fermo, che non offre una visione e una prospettiva di crescita”, dice il leader M5s in un’intervista.

Detto questo, anche l’ex premier dice un ‘no’ categorico a ipotesi di governi tecnici, “basta con soluzioni di quel tipo, a scegliere devono essere i cittadini. Meloni ha detto agli italiani che erano pronti, si assumano fino in fondo la responsabilità della loro inadeguatezza”.

Tranchant la ‘lettura’ di Matteo Renzi: “I quotidiani di oggi riportano la preoccupazione della premier Meloni circa un presunto complotto contro di lei. Non c’è nessun complotto internazionale: c’è solo un governo incapace di affrontare i dossier. Meloni e Salvini ogni giorno si punzecchiano ma dopo un anno non hanno risolto un solo problema degli italiani. Ma se invece di inseguire fantasmi e complotti, quei due si mettessero finalmente a lavorare? Saranno capaci di farlo?”, chiede il leader di Iv.

Dal Pd, è il capogruppo al Senato Francesco Boccia a mettere in chiaro la linea: “È evidente che se cade Meloni si vota senza se e senza ma”. Concetto già espresso venerdì dal presidente dem Stefano Bonaccini (“la prossima volta al governo dobbiamo tornare se vinciamo le elezioni”).

L’affondo però lo lancia Lorenzo Guerini sui social: “Rilanciano inesistenti complotti o fantomatici governi tecnici solo per coprire i loro fallimenti. Non cadere nel tranello, anche dall’opposizione: è solo un evidente diversivo, non perdeteci tempo”. Per il verde Angelo Bonelli si tratta solo di un’operazione ad arte costruita dalla stessa Meloni per “trasformarla in vittima di un complotto dei poteri forti, non si sa quali, che punterebbero a un governo tecnico: ma a parlarne è solo lei. La teoria del complotto l’ha inventata per nascondere i suoi fallimenti di politica economica”.