Home In evidenza IL VENTO SCOPERCHIA IL TETTO DELLA FABBRICA SANT’ANNA

IL VENTO SCOPERCHIA IL TETTO DELLA FABBRICA SANT’ANNA

23
Condividi

RESTA CHIUSO LO STABILIMENTO DELLE ACQUE MINERALI SANT’ANNA A VINADIO

“Il vento non ha mollato, è impossibile riprendere l’attività”, dice Alberto Bertone, fondatore e amministratore delegato dell’azienda, che imbottiglia oltre sette milioni di pezzi al giorno. Le raffiche ieri hanno scoperchiato lo stabilimento, con le lamiere del letto che sono finite sulle auto nel parcheggio.

Sono un centinaio le persone rimandate a casa tra dipendenti, manutentori e ditte esterne. Il danno della mancata produzione giornaliera è di circa un milione di euro.

Le raffiche di vento continuano a spazzare in provincia di Cuneo le valli Stura, Vermenagna, Pesio e Gesso, dove si registrano case scoperchiate, alberi finiti in strada e su linee elettriche. Tre persone sono state evacuate nella notte a Chiusa Pesio per i danni causati alla loro casa dal vento. Chiusi gli impianti di risalita delle stazioni sciistiche.Una raffica di vento a 100 all’ora ha scoperchiato  una parte del tetto dello stabilimento di acque minerali Sant’Anna, a Vinadio, in provincia di Cuneo.

 

IL VENTO SCOPERCHIA IL TETTO DELLA FABBRICA SANT’ANNA ultima modifica: 2020-02-11T10:30:31+01:00 da Redazione Rete 7