In Colombia niente multa per chi possiede droga

AGI – Il governo della Colombia eliminerà le multe per il consumo di piccole quantità di droga, in linea con un cambiamento di focus nella lotta contro il traffico di droga nel più grande paese produttore di cocaina al mondo.

Un decreto governativo pubblicato dai media locali annuncia l’abrogazione delle sanzioni contro il possesso di “sostanze stupefacenti o psicotrope” destinate all’uso personale e non alla vendita. Il provvedimento non modifica le pene fino a 20 anni di reclusione per reati legati al traffico di droga previste dalla legge colombiana, ma pone fine alle multe di circa cinquanta dollari che la polizia infligge ai consumatori.

“Se la Costituzione autorizza le dosi per uso personale, l’azione della polizia non dovrebbe concentrarsi sulla persecuzione dei tossicodipendenti ma su quella dei grandi signori della droga”, ha spiegato il presidente Gustavo Petro sul social network X. “È necessario (…) evitare la criminalizzazione dei tossicodipendenti attraverso misure correttive”, si legge nel decreto del 7 dicembre.

Il possesso e l’uso di piccole quantità di marijuana, cocaina e alcune droghe sintetiche erano già stati depenalizzati da una decisione della Corte Costituzionale nel 1994, ma le multe sono state mantenute da una decisione del governo conservatore di Ivan Duque nel 2018.

Petro, che ha anche ordinato alle forze di sicurezza di cessare le operazioni contro i piccoli coltivatori di foglie di coca, sostiene un cambio di direzione nella lotta contro la droga che la Colombia sta portando avanti con l’aiuto economico degli Stati Uniti, principale mercato sudamericano della cocaina. Da parte sua, l’opposizione sostiene che queste decisioni limitano la capacita’ delle autorità di combattere il traffico di droga, in un contesto di espansione delle colture illecite e di aumento del consumo locale.