In Gran Bretagna il governo sta studiando la stretta per il Natale, non è escluso il lockdown

AGI – Il governo britannico sta valutando tre opzioni per fermare la variante Omicron del Coronavirus: lo riporta il Daily Telegraph sottolineando che il premier Boris Johnson riceve da una parte la pressione dei suoi consiglieri scientifici, che lo esortano ad agire velocemente con nuove misure, e, dall’altra, quella di alcuni suoi ministri, che invece sono contrari a nuove restrizioni.   

La prima misura allo studio, precisa il quotidiano, è invitare i cittadini a limitare gli incontri, senza un obbligo giuridico; la seconda prevede invece il ritorno al distanziamento sociale e l’obbligo per i pub e i ristoranti di chiudere alle 20; la terza e ultima opzione, e anche la più drastica, è un nuovo lockdown.

Secondo il Telegraph, se fosse decisa quest’ultima misura si dimetterebbe un ministro. Il vice premier Dominic Raab ha detto alla Bbc che non può escludere al 100% che non ci sarà un lockdown a Natale. Sulla stessa linea il ministro della Salute, Sajid Javad: “Nulla può essere garantito durante questa pandemia”, ha detto.

Il governo ha già fatto approvare nuove restrizioni, in particolare l’uso della mascherina nei luoghi pubblici e l’obbligo del Covid pass per entrare in discoteca o partecipare a un grande evento. Ma una parte del campo conservatore di Johnson è opposta a queste nuove restrizioni e le giudica liberticide.