Italia in semifinale nel doppio misto di curling

AGI – Nel doppio misto di curling l’Italia si è qualificata per la semifinale: la coppia formata da Amos Mosaner e Stefania Constantini ha battuto la fortissima Gran Bretagna 7-5 (campione del mondo in carica), centrando la sesta vittoria in altrettante partite.

“In Italia ci sono tanti sport, capiamo che il curling non è sport primario ma quando vai a provare e inizi a capire qualche regola, vedi il ghiaccio, ci scivoli sopra, diventa un complesso di cose che possono diventare interessanti perché serve strategia, forza fisica, diciamo che è uno sport completo da provare assolutamente”. Sono le parole di Stefania Constantini e Amos Mosaner parlando con l’AGI nella mixed zone del National Aquatics Centre di Pechino dove si svolgono gli incontri di curling.      

Oggi la 22enne giocatrice ampezzana, fino a poche settimane fa commessa in un negozio di abbigliamento a Cortina d’Ampezzo prima dell’arruolamento nelle Fiamme Oro, e il 26enne giocatore delle Fiamme Azzurre di Cembra, vallata del Trentino dove il curling è religione, hanno centrato la quinta vittoria in altrettante partite del torneo olimpico di doppio misto. Contro l’Australia un netto successo per la coppia italiana, un 7 a 3 maturato end dopo end ma soprattutto grazie al parziale di 3 a 0 al settimo e ultimo end. Insomma, gli ‘stone’ azzurri sul ghiaccio cinese sono veloci e soprattutto precisi.

“Obiettivo? Ogni squadra che è qui sogna di arrivare fino alla fine, noi pensiamo di giocare il miglior curling per arrivare alla semifinale e poi proseguiremo per il nostro sogno”, hanno detto Stefania e Amos, “tutte le squadre sono complete, siamo tutti sullo stesso livello”. Rispondendo alla domanda che in questi giorni in Italia sono tutti ‘pazzi’ per il curling, Constantini e Mosaner, allenati da Violetta Caldart, rispondono, “la speranza che anche grazie a noi e alle Olimpiadi che ci saranno nel 2026 a Milano Cortina il nostro sport cresca molto di più”.

Attualmente sono poco più di 400 i tesserati in Italia e tre sono i poli, Pinerolo in Piemonte, Cortina d’Ampezzo e Cembra in Trentino. Nelle precedenti partite l’Italia aveva sconfitto 8 a 4 gli Stati Uniti, 8 a 7 la Svizzera all’extra end, 11 a 8 la Norvegia e 10 a 2 la Repubblica Ceca. Domani toccherà sfidare la Cina padrone di casa (ha perso le ultime tre partite) e la Svezia. Ultimo scoglio del round robin il Canada, lunedì mattina.