Kiev per la prima volta da un secolo celebra il Natale il 25 dicembre

AGI – Quest’anno gli ucraini celebreranno il Natale domani 25 dicembre e non il 7 gennaio come hanno fatto finora, così come la Chiesa ortodossa russa, segnando una rottura con la tradizione nel pieno della guerra con Mosca. La nuova data per la celebrazione cristiana, determinata secondo il calendario gregoriano, è stata approvata dal Parlamento ucraino a luglio e promulgata dal presidente Volodymyr Zelensky.

“Il popolo ucraino è stato a lungo soggetto all’ideologia russa in quasi tutte le sfere della vita, anche con il calendario giuliano e la celebrazione del Natale il 7 gennaio”, si legge nella proposta di legge. Ma “la potente rinascita della nazione ucraina continua” e “la continua e fruttuosa lotta per la sua identità contribuisce alla consapevolezza e al desiderio di ogni ucraino di vivere la propria vita, con le proprie tradizioni, le proprie festività”, ha aggiunto.

La decisione di spostare la data in cui i cristiani celebrano la nascita di Cristo fa parte di una serie di iniziative dell’Ucraina per prendere le distanze da Mosca, come la ridenominazione di strade e città che rimandano all’epoca in cui il Paese, indipendente dal 1991, faceva parte dell’Unione Sovietica.

La legge illustra anche la spaccatura tra la Chiesa ucraina e quella russa, che si è allargata dopo l’invasione russa del febbraio 2022. La Chiesa ortodossa ucraina, per secoli sotto la tutela religiosa della Russia, si è dichiarata indipendente dal patriarcato di Mosca e “autocefala” nel 2019.

Anche la Chiesa ucraina rimasta fedele a Mosca ha dichiarato la propria indipendenza nel maggio 2022, ripudiando il sostegno del Patriarca russo Cirillo all’invasione. Alcune chiese ortodosse, tra cui quelle in Russia e in Serbia, continuano a utilizzare il calendario giuliano per le loro celebrazioni religiose e non quello gregoriano, ideato alla fine del XVI secolo.

Durante il regime sovietico (1917-1991), che sosteneva l’ateismo, le celebrazioni del Natale sono state fuse con quelle del Capodanno, che è ancora la festa principale per molte famiglie ucraine. Durante la cena di Natale, gli ucraini sono soliti servire dodici piatti senza carne, tra cui la “kutia'”, a base di chicchi di grano, miele, uva sultanina, noci tritate e semi di papavero.