Kiev smentisce la mediazione del Vaticano

AGI –  L’Ucraina “non è a conoscenza” di una missione di pace del Vaticano per risolvere la guerra. Lo ha affermato un esponente ucraino vicino all’ufficio presidenziale di Kiev alla Cnn. “Il presidente Zelensky non ha acconsentito a tali discussioni per conto dell’Ucraina. Se ci sono colloqui, stanno avvenendo a nostra insaputa o senza la nostra benedizione”, ha sottolineato. Papa Francesco nei giorni scorsi, tornando da Budapest, aveva fatto riferimento a una missione della Santa Sede per porre fine alla guerra in Ucraina, ma senza dare dettagli.

Casa Bianca: “In 5 mesi 100 mila russi morti o feriti in Ucraina”

Intanto il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale John Kirby ha dichiarato ai giornalisti che in cinque mesi di combattimenti nell’Ucraina orientale, in particolare a Bakhmut sono morti più di 20.000 soldati russi e altri 80.000 sono stati feriti. “Stimiamo che la Russia abbia subito più di 100.000 perdite, tra cui oltre 20.000 morti in azione”, ha dichiarato ai giornalisti il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale John Kirby.

“Il tentativo di offensiva della Russia nel Donbass, in gran parte attraverso Bakhmut, è fallito… La Russia non è riuscita a conquistare alcun territorio strategicamente significativo“, ha dichiarato Kirby. Il portavoce, citando informazioni di intelligence statunitensi recentemente declassificate, ha affermato che circa la metà delle persone uccise erano soldati reclutati dalla compagnia militare privata Wagner, che attinge gran parte dei suoi ranghi dalla popolazione carceraria in Russia.

Il bilancio dei combattimenti – la battaglia più intensa è stata quella per Bakhmut, dove le truppe ucraine sono state cacciate da tutte le zone della città, tranne una piccola parte – rappresenta le perdite dall’inizio di dicembre, secondo i dati statunitensi. “Questo tentativo, in particolare a Bakhmut, ha avuto un costo terribilmente alto. La Russia ha esaurito le sue scorte militari e le sue forze armate”, ha detto Kirby.

Il portavoce ha detto che non ha fornito stime sulle vittime ucraine perché “sono loro le vittime qui. La Russia è l’aggressore”. La Casa Bianca non renderà “di dominio pubblico informazioni che rendano le cose più difficili” per lo stretto alleato occidentale, il cui esercito è armato e addestrato da una coalizione di Paesi guidata dagli Stati Uniti.