La replica di Fedez, influencer sono la priorità della premier?

AGI – “Non ho parlato finora perchè la vicenda non riguarda me, mia moglie è una donna indipendente e non voglio sovra determinare nessuno e lei stessa ha dichiarato che impugnerà questa cosa. Nonostante ciò e nonostante io non sia interno a questa vicenda ovviamente mi sono presa un bel culo di m…, essendo mia moglie quindi sono stato additato come truffatore e tutto ciò che faccio con la mia fondazione nel mondo della charity è stato definito opaco, fumoso. Ci tengo innanzitutto a dire che sono due cose differenti ci vedete come una sola io sono io e ho una fondazione è un bilancio sociale che è pubblico, totalmente trasparente, quindi rimango perplesso che si mette in discussione tutto quello che ho fatto nel mondo del charity”.

Fedez affida a un lungo messaggio video su Instagram la replica alla premier Giorgia Meloni che ha attaccato ad Atreju la moglie Chiara Ferragni per la vicenda della multa dell’Antitrust per il pandoro Balocco ‘griffato’. “Evento alquanto singolare è che la presidente del Consiglio Giorgia Meloni abbia deciso di parlare dal palco della sua fantastica festa del partito, delle priorità del Paese – dice Fedez – avrà parlato della disoccupazione giovanile? No. Della manovra finanziaria che stanno facendo col c… e non hanno ancora finito? No. Della pressione fiscale? No. Ha deciso di dire ‘diffidate dalle persone che lavorano sul web’. Questa è la priorità del nostro presidente del Consiglio: ‘diffidate dalle persone che stanno sul web‘ – dice ancora Fedez – il che mi fa capire che questo avvenimento sia stato in qualche modo attenzionato dalla politica perchè è prioritario per il nostro presidente del Consiglio. Mi fa sorridere”, prosegue “quando siamo noi che dovremmo diffidare da voi politici per tutto lo storico e il pregresso”. 

Nella sua replica alla Meloni Fedez poi ricorda che “durante la pandemia io e mia moglie abbiamo fatto una raccolta fondi da 4 milioni di euro e abbiamo costruito in 10 giorni una terapia intensiva da 150 posti letto che ha salvato delle vite seduta stante. Sapete il governo e la Regione Lombardia quanto ha speso – si chiede l’artista e influencer – per costruire la stessa terapia intensiva, con gli stessi posti letto, entrata in funzione una miriade di mesi dopo? 10 milioni di euro per curare forse un terzo, un quarto, un decimo delle persone che abbiamo curato noi. E voi dovresti diffidare di noi e non il contrario?”.

Poi ricorda alla Meloni “un’altra cosa: durante la pandemia c’è stata una categoria, le maestranze dei lavoratori dello spettacolo, che è stata completamente dimenticata dallo Stato e non è stato dato un aiuto che sia uno. Lo sa quanto aveva raccolto in un anno il Mibact per questi lavoratori? Mezzo milione di euro. Io in 10 giorni, chiuso in casa giorno e notte, tre milioni di euro – sottolinea – e sa quanti ne ho raccolti in un anno? Sette milioni di euro, che ho distribuito insieme al Cesvi per dare da mangiare a famiglie che non avevano più lavoro. E voi dove eravate?”, chiede.
“E poi vogliamo diffidare veramente della rete quando il suo governo, da gennaio 2023, doveva fare decreti attuativi sul bonus psicologo, e per farli ci sono volute 300mila persone” che “hanno firmato una petizione” dopodichè “il ministro ha sbloccato il bonus. A me sembra che il web ogni tanto vi serva per darvi una svegliata”.

Quindi torna a parlare di quello che definisce “l’elefante nella stanza”, la polemica innescata dalla premier ad Atreju. “Mia moglie si difenderà nelle sedi opportune, anche perchè mia moglie, a differenza delle persone che compongono il suo partito, non ha potuto beneficiare dell’immunità parlamentare, come l’onorevole Santanchè e quindi pagherà, se dovrà pagare e si difenderà perchè si deve difendere”.