Le politiche monetarie di Bce e Fed non sono più sincronizzate

AGI – Le due principali banche centrali del mondo perderanno la loro sincronizzazione nel prossimo futuro, poiché la guerra in Ucraina ha effetti molto diversi sulle due economie. Lo ha sottolineato la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, intervenendo a una conferenza dell’Institut Montaigne a Parigi. La Federal Reserve statunitense ha alzato i tassi d’interesse la scorsa settimana e ha segnalato una serie di mosse future, pochi giorni dopo che la Bce ha dichiarato che non aveva fretta di aumentare il suo tasso di deposito ai minimi storici, anche se continua a rilasciare stimoli eccezionali.

“Le nostre due economie si trovano in una posizione diversa nel ciclo economico, anche prima della guerra in Ucraina”, ha esordito Lagarde.

“Per ragioni geografiche, l’Europa è molto più esposta (alla guerra) rispetto agli Stati Uniti”, è la riflessione. L’aumento dei costi energetici ha già spinto l’inflazione della zona euro a un livello record del 5,9% il mese scorso e il tasso potrebbe raggiungere il 7% nei mesi a venire, ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della Bce. Con un aumento previsto anche dei prezzi dei generi alimentari, l’impennata dell’inflazione taglierà profondamente il potere d’acquisto delle famiglie e la Bce ha ridotto le sue proiezioni di crescita, con alcuni politici che sostengono che un risultato ancora peggiore è già più probabile. Lagarde ha affermato che l’economia statunitense è meno dipendente di quella europea dalle importazioni di materie prime e anche il suo commercio sarà meno colpito, quindi le due banche centrali dovranno spostarsi fuori sincrono.

Le nostre politiche monetarie non seguiranno esattamente lo stesso ritmo “, ha affermato. Come conseguenza della guerra, l’Europa dovrà accelerare l’ecologizzazione della sua economia per ridurre la dipendenza energetica dalla Russia, il suo principale fornitore di gas naturale. Questa transizione sarà inflazionistica nel breve e medio termine, ha avvertito Lagarde, anche se l’impatto a lungo termine della transizione sarà quello di pesare sui prezzi. “Nel breve e medio termine, sarà di natura inflazionistica. Considerando che a lungo termine, le spinte sui prezzi saranno piuttosto deflazionistiche”, ha affermato.