L’Fmi taglia le stime di crescita e il petrolio perde terreno

AGI – I prezzi del petrolio ampliano le perdite con il Brent e il Wti che perdono oltre il 5% dopo che il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha drasticamente tagliato le prospettive di crescita globale, sollevando i timori di un indebolimento della richiesta di oro nero.

Un barile di Brent del Mare del Nord con consegna a giugno perde il 5,2% a 107,26 dollari, scendendo sotto i 110 dollari. Un barile di US West Texas Intermediate (Wti) con consegna a maggio è crollato del 5,29% a 102,49 dollari.

“Il petrolio greggio è in calo oggi quando i timori di recessione sono riemersi con le prospettive di crescita globale del Fmi al ribasso di quasi un intero punto percentuale”, ha spiegato pek Ozkardeskaya, analista di Swissquote Bank.

Il Fondo monetario ha drasticamente abbassato le sue previsioni di crescita globale per il 2022 a causa delle “onde sismiche” causate dalla guerra in Ucraina. La crescita dovrebbe quindi attestarsi al 3,6% quest’anno, in calo di 0,8 punti percentuali rispetto alle proiezioni di gennaio.

“Quindi il calo che stiamo vedendo oggi è principalmente un riflesso di prospettive di domanda più deboli a causa delle preoccupazioni per il rallentamento globale”, ha continuato Ozkardeskaya.

La domanda era già “un po’ esaurita di recente”, in particolare in Cina, osserva Carsten Fritsch, analista di Commerzbank. “Le restrizioni legate al coronavirus messe in atto dalle autorità hanno probabilmente fatto la loro parte”, sottolinea, i 25 milioni di abitanti di Shanghai, la capitale economica della Cina, confinati da inizio mese a causa del Covid.

Ma secondo Stephen Innes, analista di Spi Asset Management, il prezzo dell’oro nero è alle prese da una parte con “il deficit dell’offerta globale” e dall’altro con “il calo della domanda cinese”. “È probabile che il calo rimanga limitato mentre incombono le preoccupazioni dal lato dell’offerta”, tra “la riluttanza dell’Opec (Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio) a pompare più petrolio, l’escalation della guerra in Ucraina, i disordini in Libia e gli attacchi degli Houthi ribelli in Arabia Saudita”, elenca Ipek Ozkardeskaya.