L’impatto della guerra in Ucraina sul trasporto aereo (che si stava riprendendo dal Covid)

AGI – L’International Air Transport Association (Iata) prevede che il numero complessivo di viaggiatori raggiungerà i 4 miliardi nel 2024 superando i livelli pre-Covid-19 (103% del totale del 2019). Nel 2021, il numero complessivo di viaggiatori era il 47% dei livelli del 2019; nel 2022 dovrebbe salire all’83%, quindi al 94% nel 2023, al 103% nel 2024 e al 111% nel 2025.

La traiettoria per il recupero del numero di passeggeri da Covid-19 non è stata modificata dalla variante Omicron. Le persone vogliono viaggiare. E quando le restrizioni di viaggio vengono revocate, tornano nei cieli. C’è ancora molta strada da fare per raggiungere un normale stato di cose, ma le previsioni per l’evoluzione del numero di passeggeri danno buone ragioni per essere ottimisti”, ha affermato Willie Walsh, direttore generale della Iata.

Nel 2021, il numero di viaggiatori internazionali era il 27% dei livelli del 2019. Questo dovrebbe migliorare al 69% nel 2022, all’82% nel 2023, al 92% nel 2024 e al 101% nel 2025. Si tratta di uno scenario di ripresa internazionale a breve termine leggermente più ottimistico rispetto a novembre 2021, basato sul progressivo allentamento o eliminazione delle restrizioni di viaggio in molti mercati.

Miglioramenti sono visti nei principali mercati del Nord Atlantico e intra-europei, mentre la ripresa continuerà a ritardare la ripresa in Asia e in Cina. Nel 2021, il numero di viaggiatori nazionali era il 61% dei livelli del 2019; il dato dovrebbe salire al 93% nel 2022, al 103% nel 2023, al 111% nel 2024 e al 118% nel 2025.

Le prospettive per l’evoluzione del numero dei viaggiatori domestici sono leggermente più pessimistiche rispetto a novembre. Mentre i mercati interni degli Stati Uniti e della Russia si sono ripresi, lo stesso non vale per gli altri principali mercati interni di Cina, Canada, Giappone e Australia.

“I fattori più grandi e immediati per il numero di passeggeri sono le restrizioni che i governi impongono ai viaggi. Fortunatamente, più governi hanno capito che le restrizioni di viaggio hanno un impatto a lungo termine minimo o nullo sulla diffusione di un virus. E le difficoltà economiche e sociali causate da un beneficio molto limitato semplicemente non sono più accettabili in un numero crescente di mercati. Di conseguenza, la progressiva rimozione delle restrizioni sta dando la spinta tanto necessaria alle prospettive di viaggio“, ha affermato Walsh.

La previsione di Iata non calcola l’impatto del conflitto Russia-Ucraina. “In generale – sottolinea il comunicato – il trasporto aereo è resiliente agli shock ed è improbabile che questo conflitto abbia un impatto sulla crescita a lungo termine del trasporto aereo. È troppo presto per stimare quali saranno le conseguenze a breve termine per l’aviazione, ma è chiaro che esistono rischi al ribasso, in particolare nei mercati esposti al conflitto. I fattori di sensibilità includeranno l’estensione geografica, la gravità e il periodo di tempo per le sanzioni e/o la chiusura dello spazio aereo. Questi impatti si faranno sentire più gravemente in Russia, Ucraina e nelle aree limitrofe. Prima del COVID-19, la Russia era l’undicesimo mercato più grande per i servizi di trasporto aereo in termini di numero di passeggeri, compreso il suo grande mercato interno. L’Ucraina si era classificata 48. L’impatto sui costi delle compagnie aeree a seguito delle fluttuazioni dei prezzi dell’energia o del reindirizzamento per evitare lo spazio aereo russo potrebbe avere implicazioni più ampie. È probabile – conclude Iata – che la fiducia dei consumatori e l’attività economica subiscano un impatto anche al di fuori dell’Europa orientale”.