Meloni: “Il 2024 sarà complesso”. Il Mes? “Obsoleto, nessuno ci farà pagare il no”

AGI – “Innanzitutto voglio fare a tutti gli auguri di buon anno, anno che sarà molto complesso per tutti, tra varie scadenze” tra cui “le elezioni europee e la presidenza del G7”. Questo l’esordio della presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nella introduzione della conferenza stampa di fine anno, posticipata al 4 gennaio a causa di un’indisposizione. “Farò la mia parte, mi aspetto rispetto ma certo non sconti”, ha promesso la premier.

Le risposte ai giornalisti, punto per punto

Elezioni europee

Una candidatura alle europee “non sarebbe una presa in giro dei cittadini, come dice qualcuno, i cittadini lo sanno che non andrai in Europa, ma è un modo per dare un giudizio”, ha  spiegato. 

La mia candidatura potrebbe portare altri leader a fare la mia scelta, nell’opposizione, e anche questo sarebbe interessante. Ma devo capire se una mia candidatura personale toglierebbe tempo al mio lavoro di presidente del consiglio e penso che sia una decisione da prendere con gli altri leader della maggioranza”

“Non mi occupo delle candidature per le elezioni europee. Non voglio, non auspico e non lavoro a un rimpasto”, ha poi specificato. “Quello che faranno i vari partiti nelle candidature lo valuteremo. Abbiamo valutato le ipotesi di candidare i tre leader della maggioranza, ma non ne abbiamo parlato né ci siamo posti il problema. Ma io non lavoro per ottenere un rimpasto” di governo.

 “Io non sono una persona che ama dare patenti anche per ragioni di storia. Con Afd ritengo ci siano delle distanze insormontabili, a partire dal tema del rapporto con la Russia su cui, invece, Marine Le Pen sta facendo un ragionamento interessante. Ma ritengo di non dover distribuire patenti. Quando ci sono partiti che prendono il 25 per cento dei consensi, bisogna porsi il tema di come rispondere a quei cittadini. Per ora lavoro soprattutto al partito dei conservatori europei”.  

Mes e diritti

“L’Italia ha gli stessi diritti degli altri Paesi”, nessuno “ce la farà pagare e francamente nessuno in Europa lo dice”, è la risposta di Meloni a una domanda sul no dell’Italia alla riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità.  “Il Mes è strumento che esiste da tempo e che è obsoleto, nella reazione dei mercati dopo la mancata ratifica” da parte del Parlamento “si legge un consapevolezza di questo. Quindi se vogliamo guardare al bicchiere mezzo pieno forse” la mancata ratifica “può diventare un’occasione per trasformarlo in qualcosa di più efficace e secondo me questa è la strada su cui lavorare perché il Mes ha delle problematicità”.

“Sarebbe stato molto difficile per me impormi sul Parlamento in nome di un superiore interesse, quello che ho fatto è stato rimettermi all’Aula, il governo si è rimesso all’Aula ed e stato bocciato” il Mes “perché non c’è mai stata una maggioranza in Parlamento per ratificare un trattato che è stato ratificato da governo Conte, perché se sapeva che non c’era una maggioranza per il via libera?”

“Il Movimento 5 stelle ha sempre dichiarato di essere stato contrario infatti ha votato contro. Io penso sia stato un errore dire sì” al Mes in Europa “sapendo che non c’era una maggioranza in Parlamento”, ha proseguito.

 

Emendamento Costa

“L’emendamento Costa si aggancia a una normativa europea, riporta in buona sostanza l’articolo 114 del Codice di procedura penale al suo perimetro originale. Voi sapete che dalla riforma Orlando venne fatta un’eccezione consentendo la pubblicazione in toto o in parte di questo atto relativo alla carcerazione”.

L’emendamento non toglie il diritto del giornalista a informare, il giornalista può conoscere gli atti e riportarli ai cittadini”

E ancora: Si può infatti riferire chi è l’arrestato. Non vedo bavagli a meno che non si dica che c’è stato il bavaglio fino al 2017. A me pare una inziativa di equilibrio tra il diritto di informare e il diritto del cittadino, prima della condanna, a non ritrovare sui giornali particolari infamanti”.

Extraprofitti e banche

“Sul tema della tassa sugli exraprofitti delle banche, vorrei fare chiarezza: mi fa sorridere che i primi a criticare il primo governo che ha avuto il coraggio di fare questa tassazione, siano quelli che alle banche hanno fatto regali miliardari: il Pd, il M5s che è stato cintura nera degli aiuti alle banche, con 5 miliardi per trasformare i prestiti delle banche in prestiti allo stato italiano, l’obbligo dei pos con le commissioni scaricate sulle imprese, il superbonus e i crediti acquistati dalle banche con gli socnti. Poi ci criticano perché abbiamo avuto il coraggio di mettere la tassazione”, ha affermato Meloni. 

“C’è stata una differenza tra i tassi di interesse per i mutui e quelli dei depositi e dei conti correnti. La differenza è stata oggetto della tassazione per il 40 per cento. La tassa c’è, quello che è cambiato è stata l’aggiunta della possibilità di accantonare un importo par a due volte e mezzo l’ammontare della tassazione in una riserva non distribuibile”, spiega ancora la premier.

“Questo comporta che aumentando le riserve aumenterà anche il credito erogato ai cittadini. Nel caso in cui si optasse per il non versamento immediato della tassazione, questo comporterebbe un aumento del credito erogato e questo comporta nel medio periodo che molte banche pagheranno più tasse di quelle previste dalla tassa sugli extraprofitti”.

È una operazione win win, da una parte c’è l’ipotesi di pagare subito la tassa l’altra ipotesi è il rafforzamento del capitale. Dobbiamo riconoscere il coraggio e finora i cittadini italiani hanno mostrato di capire”

Tasse e tagli

Capitolo fisco. “Il mio obiettivo è confermare le misure” contenute nella manovra di quest’anno, ha detto, “e se riesco addirittura migliorarle ma lo valuteremo in corso d’anno. Io preferisco tagliare la spesa pubblica che aumentare le tasse, non le ho aumentate e non lo farò, e penso si possa fare un lavoro anche più preciso il prossimo anno”.

“La crescita italiana è stimata, ed è un dato buono, superiore alla media europea. Io non sono per aumentare le tasse quindi se devo lavorare lavoro prevalentemente sul taglio della spesa, come fatto quest’anno, con tagli lineari alla spesa pubblica che ci hanno consentito il rinnovo del taglio del cuneo contributivo. Poi vediamo quale sarà l’andamento dell’anno” prossimo per la manovra del 2025.

Bisogna sapere quali sono le risorse che si hanno, io confido che quest’anno si possa essere ragionevoli e immaginare un taglio degli interessi”

Burocrazia e giustizia

Quello degli investimenti esteri in Italia “è un tema che è figlio di stratificazione di problemi che abbiamo da anni: dalle lungaggini burocratiche ai tempi della giustizia. Molti investirebbero volentieri in Italia se avessero certezze. La riforma della burocrazia e la riforma della giustizia sono due mie priorità per il prossimo anno”, ha aggiunto Meloni.

“Andando in giro per il mondo, mi rendo conto di quanta voglia di Italia ci sia. In questa nazione, quando si cerca di mettere mano in alcuni ambiti, le opposizioni si fanno sentire, ma se non ci prova un governo con la nostra maggioranza e la nostra stabilità ci sarà davvero poca speranza di fare di più. Ci sono diversi investimenti sui quali lavoriamo, sui semiconduttori ad esempio, per dare segnali al mondo della produzione”.

“Qui non c’è un governo ostile a chi produce. Non disturbare chi vuole fare è un nostro slogan. Io la penso davvero così. Spesso abbiamo dato l’immagine di essere uno stato ostile a chi creava ricchezza e posti di lavoro, ma questa non è la mia mentalità. C’è però da fare di più. Vorrei mettere le mani, vorrei riformare in maniera seria giustizia e burocrazia”. 

“La separazione delle carriere è nel nostro programma da sempre ed e’ un elemento importante e si pone il tema del referendum ma sarebbe utile non sovrapporre le due materie”, ovvero riforma della giustizia e riforma della Costituzione.

Ha un senso che le due riforme costituzionali non si sovrappongano perché crea confusione nei cittadini” e se la “riforma” della giustizia “arrivasse al referendum non sarebbe su Meloni, io me ne vado quando mi cacciano i cittadini perdendo le elezioni, il mio lavoro è sui provvedimenti mettere a terra quanto prevede il programma”.

Premierato

“Sul tema della riforma costituzionale, quando ho presentato la riforma costituzionale la prima cosa che ho detto è che non tocchiamo i poteri del Presidente della Repubblica, è giusto così, perché il presidente è una figura di assoluta garanzia. Io non vedo in come l’elezione diretta del capo del governo significhi togliere potere al capo dello Stato”. 

“Si crea secondo me un equilibrio che è assolutamente buono e si rafforza la stabilità dei governi. Non vedo come questo possa ledere le prerogative del Capo dello Stato. Abbiamo avuto in Italia un problema di stabilità dei governi e governi che non rispondevano a nessuno e che non erano stati votati da nessuno”, sottolinea Meloni.

“La democrazia rappresentativa si sostanzia in ‘voto per te perché tu possa fare questo in mia vece’. Abbiamo pagato pesantemente questa l’instabilità, in termini di debito pubblico e di credibilità internazionale. Ha significato anche la debolezza della politica sul tema economico, con l’impossibilità di fare riforme di grande respiro”.

Prevedere un “limite di mandati” per il presidente del Consiglio nella riforma sul premierato, ora non previsto dal testo, “ci sarà un” iter lungo “e Camera e Senato faranno proposte e modifiche”, ma se fosse inserito “non mi creerebbe problemi”.

 

Il caso Pozzolo

“Non conosco la dinamica” dei fatti, “vedremo, ma in ogni caso qualcuno non è stato responsabile e non lo è stato chi detiene quell’arma e figuriamoci per un parlamentare, figuriamo se parlamentare di FdI, per questo ho chiesto sul piano politico che venga deferito ai probiviri di Fratelli d’Italia e che nelle more del giudizio venga sospeso da FdI”.

Questa la posizione del premier in merito alla vicenda del parlamentare di FdI e lo sparo nella notte di capodanno

Migranti e flussi 

I dati sull’immigrazione in Italia “non li ritengo soddisfacenti, soprattutto rispetto alla mole di lavoro che ho dedicato a questa materia”, ha ammesso Meloni.

“Sono leggermente più soddisfatta dei dati dell’ultima parte dell’anno, che vedono un calo. La materia è una sfida epocale, si possono fare diverse iniziative che danno un consenso immediato ma non risolvono il problema sulla lunga distanza e io cerco di risolvere il problema strutturalmente con un coinvolgimento internazionale enorme”.

L’obiettivo è sempre lo stesso: lavorare in Africa, fermare le partenze, valutare l’apertura di hot spot in Africa per capire chi ha diritto a partire, parallelamente lavorare sull’immigrazione legale”

È un lavoro molto complesso sul quale le cose cominciano a cambiare. L’Italia ha portato un approccio serio che non ha avuto problemi a farsi ascoltare. L’Italia non aveva mai posto questo problema così“.

“È oggettivamente un tema quello del decreto flussi, c’è una difficoltà oggettiva dove si accavallano le richieste del 2023 che sono gia’ circa 150mila se non vado errata e si aggiungeranno le richieste del 2024, oggettivamente un carico enorme e si deve valutare lo snellimento delle procedure ma intanto stiamo rafforzando gli organi che se ne occupano, così sta facendo il ministro Tajani e stessa cosa il ministro Piantedosi. Abbiamo oggettivamente in questo momento delle difficoltà, confido poi si possa procedere più spediti, il sistema andava in tilt per molto meno” in passato, “ma abbiamo chiaro il problema e si tratta di capire se ci sono passaggi secondari o superflui da snellire“.

Commesse Anas

Mi stupisce sempre un po’ e un po’ mi preoccupa quando vedo su uno, due o tre quotidiani virgolettate mie dichiarazioni che non ho mai fatto. Sul caso di Tommaso Verdini ho trovato dichiarazioni mai fatte, nemmeno in privato”

Per Meloni “è una tendenza che mi è capitata di incontrare alcune volte quest’anno e che un po’ mi preoccupa perché con questo meccanismo si può inventare qualunque cosa”. 

“Non ho avuto cose particolari da dire perché non ho gli elementi per commentare i fatti in sé. Sulla questione bisogna attendere gli sviluppi e le decisioni della magistratura”, aggiunge.

“Le intercettazioni” dell’inchiesta sulle commesse Anas “fanno riferimento al precedente governo, Salvini non viene chiamato in causa e quindi non ritengo debba riferire su questo”, conclude.

Caivano e periferie

In periferie come Caivano, fino a oggi, “lo Stato ha deciso spesso che fosse più facile girarsi dall’altra parte invece che impattare la questione e questo ha fatto sì che lo Stato perdesse terreno e credibilità. Ce ne sono moltissime di queste periferie. La promessa che ho fatto è che si può invertire la rotta”, spiega la leader del governo.  

Noi tutte le settimane facciamo una riunione su Caivano e facciamo il punto su quello che sta accadendo. Qualche soddisfazione sta arrivando”

“Stiamo procedendo con i tempi e con qualche anticipo, come lo sgombero di trecento metri cubi di detriti e rifiuti in tempi record e facendo cose semplici abbiamo restituito diritti banali ai cittadini, come quello di una mamma di portare il figlio al parco”, aggiunge ancora Meloni.

“Mentre noi facciamo questo lavoro su Caivano produciamo le norme per tutte le altre zone nella stessa situazione. Se riuscissimo a trasformare questo in modello possiamo fare un lavoro straordinario per le periferie di questa nazione”. 

Rai e servizio pubblico

“Telemeloni? Sono stata all’opposizione gran parte della mia vita, durante il governo Draghi l’unica opposizione non era presente nel Cda e non ho sentito parlare di regime”.

Le accuse di Telemeloni da una sinistra che con il 18% dei consensi epsrimeva il 70% delle posizioni in Rai non stanno in piedi, semmai stiamo facendo un riequilibrio rispetto a quegli anni” 

“La Rai è la principale azienda culturale italiana, con molti pregi e molti difetti, non mi pare venissimo da una straordinaria eta’ dell’oro, nonostante quel che dice l’opposizione. Molto si può fare per migliorare il servizio, migliorare il pluralismo, limitare gli sprechi. E’ stato ridotto il pesante indebitamento ereditato dalle gestioni precedenti. Sugli ascolti dobbiamo sapere che la Rai fa servizio pubblico, e il palinsesto estivo non l’ha fatto questa governance ma la precedente” ha proseguito.

“Per un giornalista Rai intervenuto ad Atreju sono state chieste le dimissioni perché ha criticata Elly Schlein. Sono stata criticata da giornalisti Rai per una vita, bene così, chiunque critica un esponente politico si deve dimettere? Cerchiamo di essere seri, stiamo riequilibrando un problema che c’è stato negli anni”.

Musk e maternità surrogata

“Ho applaudito Musk ad Atreju perché ospite ed è per rispetto degli ospiti, ma non cambia la mia posizione sulla maternità surrogata e sono contenta se il parlamento approvera’ la legge sul reato universale”.

I bambini non si comprano né vendono, non si scelgono su un catalogo, pagare una donna povera per avere un bambino non è progresso”

“Ho invitato ad Atreju da circa 25 anni tutti, tutti quelli che hanno qualcosa da dire e li ho applauditi tutti per rispetto con chi si invita, rispetto che non tutti hanno, ho invitato Musk perché ha qualcosa da dire, a partire dall’intelligenza artificiale, tema che conosce meglio di noi, e’ stato uno dei primi a dire attenzione, questo e’ l’invito a Musk”, ha aggiunto.

Draghi e Commissione europea

“Credo che sia impossibile parlare oggi di chi potrebbe guidare la nuova Commissione Europea. Mario Draghi ha detto di non essere disponibile. Io sono stata fiera oppositrice del suo governo, ma questo non ci ha impedito di condividere la sua politica estera e di fare un passaggio di consegne pacifico”.

“Dopo di che, oggi parlare del toto nomi della presidenza europea è buono per fare dibattito sulla stampa, ma il tema è cosa deve fare la prossima commissione. Io lavoro per avere domani una commissione europea e una politica europea che sia piu’ forte e determinata nel perseguimento di una sua priorita’ strategica e sia ferma nella difesa dei confini esterni, che sia capace di armonizzare il tema della sostenibilita’ ambientale con quella sociale ed economica”.