Metsola conferisce il premio Sakharov alle donne iraniane

AGI – “Il premio Sakharov 2023 per la libertà di pensiero è stato conferito a Mahsa Amini e al movimento ‘Donna, Vita, Libertà’ in Iran. Una protesta spontanea nata dalla morte violenta di Mahsa per mano della polizia morale dell’Iran, in risposta alla legislazione repressiva e alle politiche sistematicamente discriminatorie contro le donne in Iran. Quest’anno il premio Sakharov è un tributo a tutte le donne, gli uomini e i giovani coraggiosi in Iran che nonostante la pressione in aumento continuano a lottare per il cambiamento”. Lo ha dichiarato la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, nella conferenza stampa prima della cerimonia di consegna del premio Sakharov 2023 per la libertà di pensiero, conferito a Mahsa Amini e al movimento ‘Donna. Vita. Libertà’ e che viene ritirato dall’avvocato della famiglia Amini, Saleh Nikbakht, e dalle attiviste del Movimento, Afsoon Najafi e Mersedeh Shahinkar.

“Il Parlamento europeo è con voi e vi sostiene” e “a voi e a tutti gli sconosciuti, così tanti, morti per iniziare una rivoluzione dico che non siete soli, siamo con voi”, ha evidenziato. “Mi rivolgo a quelli che avrebbero dovuto essere oggi qui: i genitori e il fratello di Mahsa Amini a cui le autorità iraniane hanno vietato di viaggiare e di venire a Strasburgo per onorare la memoria della loro figlia e sorella scomparsa. Mahsa Amini ha sacrificato la vita per i diritti e la libertà delle donne in Iran e noi soffriamo con la sua famiglia”, ha aggiunto.