Mondiali Giovani: Nella sciabola Stigliano e Spica ko agli ottavi

ROMA (ITALPRESS) – Marco Stigliano e Manuela Spica si fermano a un passo dai “top 8” e sono i migliori azzurrini nella settima giornata dei Campionati del Mondo Cadetti e Giovani di Riyadh 2024, la prima dedicata alla sciabola, che ha visto in pedana le due prove individuali Under 20. Appuntamento con il grande obiettivo “doppia cifra” rinviato, dunque, per l’Italia, oggi – dopo il fioretto e la spada – già a quota nove medaglie (a Plovdiv 2023 furono sette) e con due giornate di gara ancora da disputare.
Nona posizione per Manuela Spica nella gara di sciabola femminile. L’atleta delle Fiamme Gialle, seconda dopo la fase a gironi, ha superato nel suo primo match a eliminazione diretta l’atleta di Hong Kong, Sit, con il punteggio di 15-11. Nel turno delle 32 il successo per l’abruzzese, sempre con il punteggio di 15-11 contro la statunitense Possick. Negli ottavi di finale è arrivato però lo stop subito dall’ungherese Spiesz per 15-8. Si è fermata nel tabellone precedente la corsa di Mariella Viale, mentre ha chiuso al 41° posto Maria Clementina Polli con Alessandra Nicolai 54esima.
Nella competizione maschile il migliore tra gli italiani è risultato Marco Stigliano, che ha chiuso al 15° posto. Lo sciabolatore delle Fiamme Gialle ha iniziato il proprio tabellone a eliminazione diretta dal turno dei 128, dove ha avuto la meglio sull’azero Huseynli 15-7. Il napoletano ha poi battuto l’uzbeko Kodirov (numero 1 dopo i gironi) per 15-13. Negli ottavi di finale solo l’ultima stoccata ha fermato Stigliano contro l’atleta individuale neutrale Kostiukov, che ha prevalso per 15-14. Così gli altri azzurrini: 34° Edoardo Cantini, 46° Edoardo Reale e 94° Francesco Pagano.
Domani spazio per gli sciabolatori Under 17. Sei gli atleti del ct Nicola Zanotti in pedana: nella prova maschile Leonardo Reale, Valerio Reale e Massimo Sibillo, nella gara femminile Francesca Romana Lentini, Vittoria Mocci e Benedetta Stangoni. Le gare prenderanno il via rispettivamente alle 8 e alle 9 italiane.
– foto Ufficio Stampa Federscherma –
(ITALPRESS).