Nel 2023 crollato l’export della Russia verso l’Europa del 68% 

AGI – Le esportazioni russe verso l’Europa sono diminuite di oltre due terzi nel 2023, poiche’ l’Ue ha ridotto drasticamente i suoi acquisti di petrolio e gas russo. Lo ha dichiarato l’agenzia doganale russa. I Paesi dell’Ue hanno interrotto la maggior parte dei loro acquisti di energia dalla Russia nel tentativo di esercitare pressioni economiche su Mosca a causa dell’offensiva militare contro l’Ucraina.

 

Le esportazioni russe verso l’Europa sono calate del 68% nel 2023, raggiungendo gli 84,9 miliardi di dollari. L’export verso l’Asia – che ha sostituito l’Europa come principale cliente energetico del Paese – sono aumentate del 5,6% a 306,6 miliardi di dollari, secondo l’agenzia. Dopo essere stata colpita dalle sanzioni occidentali, Mosca ha smesso di pubblicare una vasta gamma di statistiche economiche, compresi i dati commerciali con i singoli Paesi.

 

Dati doganali cinesi separati hanno mostrato che il commercio bidirezionale tra i due Paesi ha raggiunto la cifra record di 240 miliardi di dollari l’anno scorso, in un contesto di crescenti legami economici, commerciali e politici tra Pechino e Mosca. La settimana scorsa la Banca centrale russa ha inoltre dichiarato che i depositi di yuan cinesi nei conti bancari russi hanno superato i dollari statunitensi per la prima volta in assoluto, in quanto il sistema finanziario russo ha abbracciato la valuta cinese a fronte delle sanzioni che ne hanno impedito l’accesso al dollaro.
Il surplus commerciale complessivo della Russia si e’ attestato a 140 miliardi di dollari nel 2023, con un calo del 58,5% rispetto al 2022, anno in cui Mosca ha ottenuto entrate energetiche eccezionali grazie all’offensiva sull’Ucraina che ha fatto impennare i prezzi del petrolio e del gas e l’Europa ha continuato ad acquistare energia russa per gran parte dell’anno.