Netflix ha perso abbonati per la prima volta dopo dieci anni

AGI – Il colosso globale dello streaming Netflix nel I trimestre del 2022 ha perso abbonati per la prima volta in più di un decennio e stima un’ulteriore contrazione nel secondo trimestre.

Netflix ha perso 200.000 abbonati nel primo trimestre, ben al di sotto delle modeste previsioni secondo cui avrebbe aggiunto 2,5 milioni di abbonati. La decisione all’inizio di marzo di sospendere il servizio in Russia dopo l’invasione dell’Ucraina ha provocato la perdita di 700.000 abbonati. Netflix, che attualmente conta 221,6 milioni di abbonati, ha riportato l’ultima perdita di clienti nell’ottobre 2011.

La piattaforma di streaming più famosa ha offerto poi una cupa previsione per il trimestre primaverile, stimando la perdita di altri 2 milioni di abbonati, nonostante il ritorno di serie tanto attese come “Stranger Things” e “Ozark” e il debutto del film “The Grey Man”, con Chris Evans e Ryan Gosling. 

La crescita dei ricavi

I ricavi del primo trimestre sono aumentati del 10% a 7,87 miliardi di dollari, ma al di sotto delle previsioni di Wall Street a 7,93 miliardi. L’utile è calato a 1,6 miliardi dagli 1,71 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso. “Il gran numero di famiglie che condividono account, combinato con la concorrenza, sta creando venti contrari alla crescita dei ricavi. La grande spinta del Covid allo streaming ha recentemente oscurato il quadro”, ha affermato Netflix, spiegando le difficoltà di acquisizione di nuovi clienti.

Era comunque previsto che il servizio di streaming più famoso al mondo avrebbe registrato un rallentamento della crescita, in mezzo all’intensa concorrenza di rivali affermati come Amazon.com, Walt Disney Co, la neonata Warner Bros Discovery Inc e nuovi arrivati ​​come Apple.

I servizi di streaming hanno speso 50 miliardi di dollari in nuovi contenuti l’anno scorso, nel tentativo di attrarre o trattenere abbonati, secondo la società specializzata Ampere Analysis. Si tratta di un aumento del 50% rispetto al 2019, quando molti dei nuovi servizi di streaming sono stati lanciati, segnalando la rapida escalation delle cosiddette “guerre dello streaming”.

Poiché la crescita rallenta nei ‘mercati maturi’ come gli Stati Uniti, Netflix si concentra sempre più su altre parti del mondo e investe in contenuti in lingua locale. “Mentre centinaia di milioni di case pagano per Netflix, ben oltre la metà delle case a banda larga del mondo non lo fa ancora, rappresentando un enorme potenziale di crescita futura”, ha affermato la società in una nota.

Netflix è stato in grado di aumentare i prezzi degli abbonamenti negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Irlanda per finanziare la produzione e la crescita di contenuti in altre parti del mondo, come in Asia, ha osservato l’analista di Wedbush Michael Pachter. Tuttavia, gli abbonamenti in questi mercati in crescita sono inferiori alle attese.

Affonda il titolo di Neflix dopo la deludente trimestrale. Negli scambi after hours a Wall Street, le azioni del colosso dello streaming globale arrivano a perdere il 22,5%.