Home Eventi Orti Generali, ecco i prossimi corsi

Orti Generali, ecco i prossimi corsi

9
Condividi

A un anno dalla sua inaugurazione, il parco di Orti urbani a Mirafiori, in Torino, rende noto il suo calendario di appuntamenti primaverili rivolti a tutti i cittadini interessati ai temi dell’orticoltura, potatura, apicoltura, permacultura, sostenibilità, progettazione verde e artigianato.

 

Orti Generali è il progetto nato con l’obiettivo di gestire aree agricole residuali cittadine, a Mirafiori lungo il Torrente Sangone, con la realizzazione di 160 orti attribuiti a tutti coloro che ne hanno fatto richiesta da marzo 2019, e la creazione di una city farm, con la proposta di corsi aperti tutti intorno ai temi green in città.

Sabato 15 febbraio si parte con Orticoltura biologica con la docenza di Filippo Laguzzi e Andrea Favazzo dell’azienda agricola R.A.M. Radici A Moncalieri e Nicholas Panayi del progetto YesRoots! creative food education.
A cadenza mensile fino a ottobre, ma anche frequentabili singolarmente, le lezioni verteranno sulle esigenze delle piante e i lavori della terra mese per mese sia per gli ortolani urbani, sia per chi coltiva il proprio cibo sul terrazzo.

Domenica 16 febbraio si terrà la seconda edizione di Potatura degli alberi da frutto con l’esperto giardiniere Giuseppe Ripepi, un corso alla portata di tutti che svelerà innumerevoli segreti e le tecniche base per prendersi cura degli alberi da frutto, con esercitazione pratica sui 160 alberi di varietà antiche di meli, peri e gelsi, piantate a Orti Generali grazie al progetto europeo proGIreg.

Sabato 29 febbraio la serra adibita ai corsi ospiterà la lezione introduttiva al corso di Apicoltura tenuto da Davide Lobue per Finagro. Seguiranno 5 lezioni fino a maggio, la cui frequenza darà diritto all’attestato. Il corso permetterà, nei mesi principali di avviamento e produzione di un apiario, di conoscere la complessità del mondo delle api e le normative vigenti per il loro allevamento.

Per la prima volta Orti Generali ospiterà il corso completo di Permacultura, da sabato 7 marzo, a cura dei docenti dell’Accademia Italiana di Permacultura. Un corso per progettare eticamente il territorio e lasciare il terreno in condizioni migliori di come è stato trovato, un metodo sinergico ideato dal premio Nobel Bill Mollison, che offre soluzioni adatte anche ai coltivatori di piccoli orti per praticare un’agricoltura sostenibile.
Frequentare tutte le 12 lezioni del corso, una volta al mese nel fine settimana fino a settembre, permette di ottenere il PDC – Permaculture Design Certificate, riconosciuto a livello internazionale.

Sabato 21 marzo “Coltivare dagli scarti da cucina” sarà il primo appuntamento di Esercizi di Sostenibilità, un nuovo ciclo di incontri pratico -teorici a cadenza mensile, nati con lo scopo di promuovere la sostenibilità nella vita quotidiana e nella coltivazione, proporre soluzioni a basso impatto ambientale e a costo zero, trovare modi per riutilizzare gli scarti della vita quotidiana e per autoprodurre il necessario. I temi che verranno affrontati saranno “Macerati per l’orto: ricette e utilizzo”, “Compostiera: gestione e costruzione”, “Il giardino degli impollinatori”, “Conservazione alimentare: fermentati dall’orto”,”Detergenti naturali: esempi di autoproduzioni e impatto ambientale” e “Bugs hotel e mangiatoie per uccelli”.

Sempre sabato 21 marzo ci sarà il primo appuntamento con Pomeriggi nel parco, attività a cadenza settimanale fino a ottobre, per bambini dai 5 ai 10 anni che, insieme a educatori e associazioni specializzate in laboratori con i più piccoli, potranno imparare giocando all’aria aperta, con laboratori dedicati ai giochi di una volta, all’orienteering, al riconoscimento dei vegetali, al movimento all’aria aperta.

Domenica 22 marzo ‘Semina sul balcone a costo zero’ sarà l’unica occasione per progettare con Barbara Pepe di Gingko Giardini, architetto paesaggista, il proprio angolo verde (terrazzo, balcone o giardino) e scoprire soluzioni a costo zero per seminare bellezza.

Domenica 29 marzo invece sarà la prima lezione del ciclo ‘Tingi con le piante tintorie’ a cura di Giulia Perin, Emina Batik, per conoscere, coltivare e sperimentare le tecniche della tintura naturale dei tessuti con l’utilizzo di piante, reperibili sia in natura, sia nell’orto. Le cinque lezioni di Tingi con le piante tintorie hanno cadenza mensile e sono frequentabili anche singolarmente.

Il 19 aprile si terrà il primo dei due incontri di ‘Intreccia il tuo cesto’ con Laura Nocita, la Cestaia Urbana, per imparare le tecniche di base per l’intreccio; il 24 maggio, Passeggia tra erbe spontanee sarà un’occasione unica per conoscere le erbe che popolano i prati al confine con la città.

Informazioni su calendari, contenuti di ciascun corso e prenotazioni online 

Prenotazioni e informazioni a corsi@ortigenerali.it 

Cos’è Orti generali

Orti Generali è l’esito di un percorso di 4 anni di progettazione partecipata che ha coinvolto scuole, associazioni, ortolani e abitanti del quartiere, sotto la guida di Stefano Olivari, paesaggista, e Matteo Baldo, sociologo. Una dei capitoli del progetto Miraorti, iniziato nel 2010.
Il primo tra gli orti urbani in Italia a disporre in ogni orto un impianto di irrigazione automatico governato da una centralina meteo, è un progetto reso possibile dal sostegno della Città di Torino e della Compagnia San Paolo e fa parte di proGIreg, il progetto europeo che a Mirafiori sviluppa sperimentazioni delle infrastrutture verdi con partner locali.
Grazie alle sue componenti di innovazione sociale e tecnologica Orti Generali ha vinto il bando indetto dal MIUR Smart cities and Communities and Social Innovation e dal 2016 al 2019 ha avviato una fase di ricerca tecnologica, supervisionata dall’Università Ca’ Foscari di Venezia e nel 2019 il bando AmbientAzioni di IREN per l’efficientamente energetico del futuro chiosco, edificio ereditato in forma di rudere e chiamato ex Cascina Piemonte, che verrà inaugurato tra marzo e aprile 2020.

www.ortigenerali.it 

 

Orti Generali, ecco i prossimi corsi ultima modifica: 2020-02-10T11:54:46+01:00 da Redazione Rete 7