Home Eventi Patrimonio mondiale UNESCO, le Marittime ci riprovano

Patrimonio mondiale UNESCO, le Marittime ci riprovano

10
Condividi

A giugno 2019 il ritiro della candidatura, ora gli enti delle “Alpi del Mediterraneo”, tra cui le Marittime, intendono ripresentarsi 

Un anno fa le “Alpi del Mediterraneo” un’area di 1790 kmq tra Italia, Francia e Principato di Monaco avevano ritirato la candidatura a “Patrimonio dell’Umanità UNESCO” alla vigilia della scelta finale, per migliorare alcuni aspetti che li avrebbero potuti penalizzare e quindi fare escludere.

Ora, dopo l’incontro avvenuto due settimane tra  i Ministri all’Ambiente e alla Publlica Amministrazione, le Regioni Piemonte e Liguria e l’ambasciatore italiano all’UNESCO si è deciso di siglare un nuovo protocollo d’intesa fra tutti gli enti coinvolti e, in questi giorni, l’Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi marittime ha convocato 17 sindaci e ortto unioni montane per proseguire su questo cammino.

Il Parco, che festeggia i suoi 40 anni di vita con tre mostre aperte fino a settembre, ha poi deciso di candidarsi ad altri due riconoscimenti UNESCO: Riserva della Biosfera MAB e Geoparco.

  • marittime
  • unesco
  • mab unesco
    Patrimonio mondiale UNESCO, le Marittime ci riprovano ultima modifica: 2020-08-04T11:42:12+02:00 da Redazione Rete 7