Pechino alza la voce: “No alle minacce per costringerci a schierarci”

AGI – Il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ha criticato “le forze esterne” che cercano con la “minaccia” di costringere i Paesi terzi a schierarsi nel conflitto in Ucraina.

“La parte cinese sta svolgendo un ruolo costruttivo nel facilitare i colloqui di pace. Nelle condizioni attuali, è necessario prestare attenzione ai tentativi delle forze esterne di trascinare i paesi della regione nel conflitto tra le maggiori potenze e alle loro minacce a ogni Paese perché si schieri”, ha detto in una nota Wang, che oggi ha incontrato a Nur-Sultan il presidente del Kazakistan, Kassym-Jomart Tokaye.

La Cina non perseguirà mai interessi geopolitici in Asia centrale e non permetteremo a forze esterne di provocare il caos in questa regione“, ha affermato Wang Yi. Il ministro degli Esteri cinese e il presidente del Kazakistan hanno “scambiato opinioni sulle crescenti conseguenze negative di la crisi in Ucraina”, si legge nella nota.