Perché Gualtieri ha fatto rimuovere il murale dedicato alla vittima del raccordo anulare

AGI – Il Comune di Roma ha rimosso il murale realizzato nei giorni scorsi che ritrae Nicholas Orsus Brischetto, il 22enne di origine rom che si è schiantato con l’Audi R8 bianca del papà contro un guardrail mentre andava a oltre 290 all’ora sul grande raccordo anulare.

Il murale, realizzato senza le autorizzazioni previste in via Raoul Follereau, nella periferia romana di Ponte di Nona, e’ stato rilasciato da uomini del Campidoglio, coadiuvati dai carabinieri e dalla polizia di stato. 

“Comprendiamo il dolore dei familiari e degli amici – sottolinea su Facebook il sindaco Roberto Gualtieri – tuttavia non possiamo permettere che l’autore di un simile comportamento irresponsabile possa diventare un modello per altri giovani, né che le mura di edifici comunali siano abusivamente utilizzate senza alcuna autorizzazione. Ecco perche’ abbiamo provveduto alla rimozione di questo murale che, a differenza di altri presenti in città, non nasce da un progetto condiviso di valorizzazione del quartiere.

Come Amministrazione siamo impegnati al massimo per la sicurezza stradale, il rispetto delle regole e dei limiti di velocità, la guida sicura. Correre a simili folli velocità, filmarsi, postare i video e vantarsene sui social sono comportamenti assolutamente sbagliati e lontani dai valori da trasmettere ai nostri giovani. Noi siamo per la sicurezza e la legalità, sempre. Care ragazze e cari ragazzi, divertitevi ma sempre con attenzione per la sicurezza vostra e degli altri. La vita che avete davanti – conclude – è molto più importante e bella di uno stupido video sui social e della velocità che può strapparvi per sempre all’affetto dei vostri cari”.