Home Cronaca SCOPERTO LABORATORIO PER “SGUAINARE” CAVI DI RAME: DUE DENUNCE

SCOPERTO LABORATORIO PER “SGUAINARE” CAVI DI RAME: DUE DENUNCE

252
Condividi

La mattina di lunedì 16 ottobre, ad , Regione “Faiteria”, all’interno di una proprietà agricola recintata, i della Stazione di Riva presso Chieri, in collaborazione con i colleghi del nucleo radiomobile di Chieri, hanno denunciato per ricettazione un bosniaco di 39 anni, abitante a Chieri, e un italiano di 79 anni, residente ad Andezeno. I militari, nel corso di servizi preventivi finalizzati a contrastare i furti, hanno denunciato la coppia. All’interno del terreno del 79enne italiano, i militari hanno trovato il bosniaco con diversi sacchi contenenti cavi elettrici che risultavano appunto “sguainati”, ovvero privi dei filamenti in . È ancora da chiarire la posizione del proprietario del terreno, anche lui è stato denunciato per ricettazione.
I Carabinieri hanno sequestrato circa 20 quintali di rame, per un valore complessivo di circa 14.000 euro, riconducibile a un furto avvenuto nei giorni scorsi a Riva presso Chieri in un deposito di materiale ferroso.

SCOPERTO LABORATORIO PER “SGUAINARE” CAVI DI RAME: ultima modifica: 2017-10-17T12:38:32+02:00 da Redazione Rete 7