Stampa e palazzo: i dubbi sulla risoluzione sull’Ucraina e la partita nel M5s

AGI – In primo piano sulle pagine di politica dei quotidiani in edicola oggi c’è la risoluzione che sarà votata dal Parlamento dopo le comunicazioni di Draghi. Dubbi in alcuni partiti sulla scelta di fornire all’Ucraina mezzi ed equipaggiamenti militari ma i leader assicurano pieno sostegno al premier. Altro tema trattato, l’attesa nel M5s per la decisione del tribunale di Napoli sul ricorso che chiede di revocare la sospensione dello statuto che ha ‘congelato’ la presidenza di Conte.

Il Corriere della Sera

L’Italia invierà a Kiev aiuti e armi. Partiti agitati. Ma c’è il sì a Draghi. Intervista al vicesegretario del Carroccio, Fontana: “Noi leghisti amici della Russia? Dopo un’aggressione così è chiaro che le cose cambiano”.

La Repubblica

Parla il presidente del Comitato militare Ue, Graziano: “Chi attacca Kiev sono i nemici dell’Europa. Ora nasce la nostra difesa”. Armi all’Ucraina, sì del governo. Intervista al capogruppo di FdI alla Camera, Lollobrigida: “Noi con la maggioranza ma i grillini strizzano l’occhio a Mosca”. Pnrr, c’è il via libera Ue: ecco i primi 21 miliardi.

La Stampa

Oggi il Parlamento approverà la risoluzione bipartisan che autorizza le misure dell’esecutivo: “Armi a Kiev per la legittima difesa”. Camere al voto, malumori Lega e 5S. Intervista al fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Riccardi: “L’esodo è appena iniziato, subito i corridoi umanitari”. Un Recovery per l’energia. Il piano: bond Ue e prestiti agevolati ai Paesi più esposti al caro-bollette. Bruxelles ai governi: tassate gli extra-profitti delle grandi aziende. 

Il giornale

Cdm “di guerra”. Per la prima volta l’Italia invierà materiale bellico a un altro Stato. I distinguo in maggioranza: Giuseppi costretto a placare l’ala filorussa del M5s. E rispunta l’asse con la Lega: pieno appoggio al premier ma dubbi sull’invio di armi a Kiev. Intervista all’ex presidente del Senato, Marcello Pera: “Occidente arrendevole. La Merkel tra i colpevoli”.

Il tempo

L’altra emergenza del conflitto, Draghi in cerca di energia. Varate le misure “salva-gas”. Poi la “polveriera M5s”: i 10 giorni di passione di Conte. Oggi a Napoli l’udienza del tribunale sul ricorso contro la sospensione delle modifiche allo statuto.

Libero

Ci armiamo. Era ora. Il governo cambia rotta sull’esercito: con l’Europa inizieremo a investire sulla difesa. “No all’invio di armi”: tra grillini e compagni cominciano le diserzioni. La mobilitazione: le città accolgono i profughi. Zaia: apriamo le seconde case.

Avvenire

Preghiera e digiuno, le diocesi in campo. Intervista alla presidente del Parlamento europeo, Metsola: “Un’invasione che costerà molto a Mosca. E rafforzerà il ruolo dell’Ue”.

La Nazione

Il caro-energia scuote le Borse europee. Finlandia e Svizzera, addio neutralità. E Berlino rompe il tabù del riarmo.