Home Cronaca TAV, OLIMPIADI E TORINO CAPITALE DELLA CULTURA. ECCO I SOGNI DEGLI INDUSTRIALI...

TAV, OLIMPIADI E TORINO CAPITALE DELLA CULTURA. ECCO I SOGNI DEGLI INDUSTRIALI TORINESI

59
Condividi

TEMPO DI BILANCI

E’ tempo di bilanci per l’ che si è riunita in assemblea alla Nuvola Lavazza. La è stata caratterizzata da un’ampia partecipazione che ha visto coinvolti nomi delle aziende torinesi, ma anche una rappresentanza politica regionale e cittadina.

IMMAGINE DELLA CITTA’ APPANATA

“I primi dati della nostra indagine congiunturale, riferiti al terzo trimestre 2018, seppur ancora positivi, si sono raffreddati. Il rallentamento va di pari passo con un percepito periodo di opacità, innescato anche da narrazioni negative, che non giovano a nessuno. L’immagine della Città si è appannata, come l’interesse verso la nostra ”. Lo sottolinea il presidente degli industriali di Torino, Dario Gallina.

“Esiste uno scarto consistente tra potenziale della città e delle sue forze locali – osserva – e il ruolo che oggi le viene riconosciuto. Ecco perché vogliamo lavorare per ridurre questo divario raggruppando le risorse migliori di cui disponiamo, per metterle al servizio di un nuovo ciclo di sviluppo della Città e della sua economia. Per iniziare a fare questo abbiamo lanciato la Call for ideas chiamata ‘DOMANI.TO’ e vogliamo tradurre idee e suggerimenti dei torinesi in progetti per la Città”.
Tav, Olimpiadi e Torino Capitale della Cultura nel 2021 i sogni degli industriali torinesi.

ALLA TAVOLA ROTONDA ANCHE SERGIO CHIAMPARINO

La partecipazione ad una tavola rotonda nell’ambito dell’assemblea dell’Unione Industriale di Torino, svoltasi il 25 giugno presso la Nuvola Lavazza, ha visto il presidente della Piemonte, Sergio Chiamparino, lanciare una nuova proposta a favore della realizzazione della Torino-.

“Dobbiamo rinnovare una lobby trasparente e democratica a sostegno della Tav – ha sostenuto – Bisogna che i giovani rappresentanti del sistema industriale e culturale, non solo torinesi e , ma anche lombardi e veneti, siano protagonisti, mettano la loro faccia”.

“Vorrei organizzare una visita guidata all’attuale tunnel del Fréjus per vedere dove sono le uscite di sicurezza, se c’è un impianto ventilazione. Quel tunnel entro non sarà più in grado di fare passare neppure i treni regionali. Il problema è la chiusura o l’apertura delle Alpi”, ha aggiunto Chiamparino, evidenziando che a suo dire “è un problema anche psicologico. Un conto è se Torino è un punto d’arrivo oltre il quale non si va o se è un luogo centrale”.

TAV, OLIMPIADI E TORINO CAPITALE DELLA CULTURA. ECCO I SOGNI DEGLI INDUSTRIALI TORINESI ultima modifica: 2018-06-25T17:32:28+02:00 da Redazione Rete 7