Ucraina, Biden avverte: “Il rischio di un’invasione russa è ancora concreto”

AGI – Quello di un’invasione russa dell’Ucraina resta “un pericolo concreto”: in un atteso discorso dalla Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto di non poter confermare le notizie di un parziale ritiro dei militari russi dal confine con l’Ucraina e ha voluto avvertire il presidente Vladimir Putin sulle conseguenze irreversibili di un’invasione.

“Se la Russia invaderà nei prossimi giorni o settimane, sarà immenso il costo di vite umane per l’Ucraina e saranno immensi i costi strategici per la Russia”. Se ci sarà un’invasione, ha aggiunto, “il mondo non dimenticherà che la Russia ha scelto morti inutili e distruzione”.

È rimasto deluso chi si aspettava che stasera Biden annunciasse una possibile soluzione di pace con Mosca. “Arrivano notizie su un possibile ritiro russo – ha spiegato Biden – sarebbe bello ma è una notizia non ancora confermata”. La Russia, ha aggiunto, resta ancora una “minaccia” e una “invasione resta possibile”.

La dichiarazione del presidente sul ritiro non verificabile è coerente con quella fatta dal segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, che aveva escluso la “presenza di segnali di de-escalation”. Parlando dalla East Room della Casa Bianca, Biden ha però voluto offrire un’altra chance alle negoziazioni, ma anche promesso di non essere disposto a “sacrificare i principi basilari” come l’autodeterminazione delle nazioni e il diritto a proteggere i propri confini.

Il riferimento è all’Ucraina, ma è un messaggio rivolto a tutti gli alleati Nato, che si sentono da settimane sotto pressione. “Noi – ha promesso Biden – proteggeremo ogni centimetro del territorio Nato e lo faremo con tutta la forza della potenza americana“.

Ma la diplomazia, era stata la premessa del presidente, resta la prima opzione e su questo ha detto qualcosa di piu’: “Il governo russo ha parlato di volere continuare a seguire il dialogo ai massimi livelli e io concordo. Abbiamo portato sul tavolo proposte concrete come piu’ trasparenza e un maggiore controllo sulle armi”.

Il presidente si è rivolto direttamente ai russi per rassicurarli: gli Stati Uniti e la Nato, ha detto, non devono essere considerati una minaccia per loro, e “non vogliono destabilizzare la Russia“. Ma, ha ricordato, siamo “pronti a rispondere” a un eventuale attacco informatico da parte degli hacker russi, mentre le sanzioni, in caso di invasione, saranno gravi e “mineranno la capacita’ economica” della federazione.