Ucraina, proteste a Malta contro la Russia

LA VALLETTA (MALTA) (ITALPRESS/MNA) – Una folla numerosa di manifestanti da diverse ONG maltesi, della società civile e di altri per lo più ucraini che vivono a Malta hanno protestato davanti all’ambasciata russa a Kappara con candele accese e cartelloni con messaggi politici chiedendo la pace e solidarietà con la nazione ucraina. Questa è stata la seconda protesta organizzata a Malta contro l’invasione russa dopo la protesta organizzata due giorni fa a Valletta per chiedere a Putin di fermare l’invasione e i bombardamenti delle forze russe.
In una lettera indirizzata all’ambasciatore russo a Malta Andrey Lopukhov, i manifestanti hanno chiesto alle autorità russe di richiamare le loro forze militari e di lasciare l’Ucraina.
Il presidente della ONG Repubblika Robert Aquilina ha sottolineato; “condanniamo l’ambizione, l’avidità e la crudeltà dei politici russi che pensano di non aver bisogno di rispettare il diritto internazionale e l’obbligo del rispetto reciproco tra i popoli vicini”. Aquilina ha chiesto all’ambasciatore russo di portare all’attenzione del suo governo e delle forze armate il messaggio di buona volontà di Malta, affinchè la Russia scelga la strada della pace.
Nel frattempo, il primo ministro maltese Robert Abela è sotto grande pressione da parte dell’opposizione nazionalista e dalle società civile che stanno chiedono al suo governo di fermare la vendita di passaporti maltesi ai cittadini ricchi russi. Giovedì, la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha invitato i paesi europei a fermare il “fenomeno pericoloso” dei cosiddetti passaporti d’oro che forniscono una “porta sul retro per ottenere la cittadinanza europea”. Finora, il primo ministro maltese Robert Abela ha evitato di impedire ai cittadini russi di acquistare la cittadinanza maltese, sostenendo che il processo di due diligence è “robusto”.
Ma il leader dell’opposizione nazionalista Bernard Grech ha affermato che Malta dovrebbe prendere posizione sulla crisi ucraina e bloccare tutte le richieste di “passaporto d’oro” da parte di cittadini russi. Ha detto che molti cittadini russi hanno acquistato passaporti maltesi senza essere adeguatamente controllati, il che ha offuscato la reputazione di Malta “e ora il primo ministro Robert Abela sta mettendo a rischio la sicurezza di Malta”.
I russi sono tra i migliori client per la vednita del passaporto maltese che ha generato milioni di euro per l’economia maltese. L’anno scorso, Passport Papers hanno rivelato che i russi rappresentavano il 37% dei candidati prescelti.
In un altro sviluppo, il governo maltese ha confermato che Malta invierà assistenza umanitaria principalmente forniture mediche al popolo ucraino. Il ministro dell’Interno Byron Camilleri ha confermato che è in corso il processo dal Dipartimento della Protezione Civile per assistere i paesi esteri che hanno bisogno urgentemente di aiuti umanitari.
(ITALPRESS).