Un uomo tiene in ostaggio 7 persone in una fabbrica a Istanbul. Si tratta per la liberazione 

AGI – Un uomo, sostenendo di agire “per Gaza”, tiene in ostaggio diversi dipendenti in una fabbrica del gruppo americano Procter & Gamble (P&G) situata alla periferia di Istanbul, nel nord-ovest di Turchia, lo ha detto la polizia locale all’AFP.  È armato, secondo i media turchi, e tiene in custodia sette dipendenti, ha detto il sindacato Umut-Sen. Il soggetto in questione era in piedi accanto a un disegno della bandiera palestinese e alla scritta “per Gaza” dipinta in rosso sul muro. Le immagini mostrano che la polizia ha allestito un cordone attorno allo stabilimento, che produce principalmente cosmetici. Sul posto sono state inviate forze operative speciali e personale medico, hanno riferito i media turchi.

 

 

Le autorità turche stanno cercando di trattare con un uomo armato che nel pomeriggio ha fatto irruzione nella sede della compagnia americana Procter & Gamble di Gebze, distretto industriale non lontano da Istanbul, e ha preso in ostaggio 7 dipendenti. Quest’ultimo particolare è stato rivelato dall’Unione del sindacati, le autorità hanno garantito massimo impegno, ma non hanno rivelato dettagli sull’accaduto. L’assalitore ha permesso al resto dei lavoratori della fabbrica di lasciare l’edificio. In una foto circolata su internet si vede l’uomo armato di pistola, vicino al disegno di una bandiera palestinese e la scritta “per Gaza” sul muro. La polizia turca ha immediatamente attivato il protocollo d’emergenza, sul posto sono giunte le squadre speciali, ambulanze e la polizia ha chiuso le strade intorno all’edificio.