Home Cronaca Usura: tassi fino al 1000% e minacce, famiglia in manette a Roma

Usura: tassi fino al 1000% e minacce, famiglia in manette a Roma

17
0
Condividi
(AGI) – Roma, 20 ago. – Tassi usurari fino al 1000 per cento. E in almeno un caso, la minaccia di affidare “ad un Casamonica” la riscossione della rata pattuita. Usura aggravata e continuata ed estorsione aggravata dal metodo mafioso sono i reati contestati dai del Comando provinciale di Roma ai quattro componenti di un unico nucleo familiare – marito, moglie e due figli – destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Roma su richiesta della Direzione distrettuale antimafia ed eseguita nella notte tra Roma e Ladispoli. Il giro d’affari accertato e’ stimato nell’ordine di decine di migliaia di euro.
Le indagini, coordinate dalla Procura della capitale, e condotte dai Carabinieri del Nucleo investigativo, sono scattate a giugno, dal sequestro di documentazione finanziaria – tra cui assegni e cambiali riconducibili a terzi – a carico di una persona, destinataria, insieme ad altre 57 persone, di un provvedimento restrittivo emesso nell’ambito dell’operazione “Hampa”, che ha permesso di sgominare un’associazione per delinquere, egemone nel quartiere capitolino di Montespaccato: i componenti sono accusati di aver commesso numerosi delitti contro la persona ed il patrimonio aggravati dal metodo mafioso, acquisendo tra l’altro il controllo occulto di attivita’ imprenditoriali e di risorse economiche.
Attraverso attivita’ tecniche, pedinamenti e testimonianze delle vittime i carabinieri di via In Selci sono riusciti a ricostruire l’entita’ dei prestiti e dei rispettivi interessi pretesi tra il 2016 e il 2018 dall’arrestato, in collaborazione con la moglie e i figli di 30 e 23 anni. L’uomo e’ accusato, in particolare, di aver prestato 63.000 euro in tre tranche ad una intermediatrice immobiliare, pretendendo la restituzione di 165.000 euro (100.000 dei quali gia’ consegnati), con un tasso usurario compreso tra il 300% ed il 500 per cento; 2.350 euro a una commessa, chiamata a renderne 4.000, con un tasso compreso tra il 240 ed il 1000 per cento; 4.2000 euro ad una barista, obbligata a restituirne 5.000, con un tasso usurario compreso tra il 150 ed il 540. Le indagini hanno documentato come, in una circostanza, Sterlicchio non abbia esitato a minacciare una delle vittime di pesanti ritorsioni personali, facendo diretto riferimento all’eventuale intervento di appartenenti al clan malavitoso dei Casamonica nelle vesti di ‘esattore’. (AGI) Bas
Usura: tassi fino al 1000% e minacce, famiglia in manette a Roma ultima modifica: 2018-08-20T15:04:25+00:00 da Redazione Rete 7