Home Eventi Valle Stura di Demonte, importante rotta migratoria dell’arco alpino

Valle Stura di Demonte, importante rotta migratoria dell’arco alpino

3
0
Condividi

E’ quanto conferma uno studio specifico all’interno del progetto Migrans

Nel 2018, anno in cui il monitoraggio è stato incentrato sulla migrazione post – riproduttiva del Falco pecchiaiolo e del Biancone, è stato registrato un elevato flusso migratorio.

E’ quanto riportato nella relazione tecnica curata da Fabiano Sartirana, per il progetto Migrans. A sostegno della tesi, la relazione specifica che lo scorso anno sono transitati 8583 individui appartenenti a 12 specie di rapaci diurni e di grandi veleggiatori (specie target del “Progetto Migrans”) con un indice orario di migrazione pari a 25,10 ind./ora e tra le altre specie sono stati avvistati 13 avvoltoi tra cui 1
esemplare di Avvoltoio monaco, specie molto rara che probabilmente proviene dalla vicina Francia dove da anni sono in corso diversi progetti di reintroduzione.

Inoltre, come previsto dallo studio, la maggior parte delle osservazioni hanno riguardato il Falco pecchiaiolo (N=6739), specie avvistata in numero maggiore rispetto alle medie registrate negli scorsi decenni e di conseguenza con indici di migrazione (sia orario che giornaliero) in parte superiori a quelli medi relativi agli stessi periodi, e il Biancone (N=1627), specie per la quale nel 2018 dopo alcuni anni di pausa è ripreso il monitoraggio.

In aggiunta , come già in parte evidenziato dai risultati degli scorsi anni, i picchi maggiori di migrazione del Falco pecchiaiolo sono stati rilevati tra la fine di agosto ed i primi giorni di settembre mentre quelli del Biancone nella seconda e nella terza decade di settembre.
Infine, a differenza delle scorse stagioni di campo, queste due specie sono transitate prevalentemente al mattino (soprattutto tra le 10:00 e le 12:00), mentre la direzione di volo E-O è stata confermata
anche nel 2018 come quella più utilizzata in Valle Stura di Demonte.

Valle Stura di Demonte, importante rotta migratoria dell’arco alpino ultima modifica: 2019-01-10T13:38:25+00:00 da Redazione Rete 7